Benevento inarrestabile, tris Messina. Catania, sprofondo continuo

di

Pubblicato il 20 marzo 2016 in Punto C

Ventisettesimo turno del Girone C della Lega Pro che vede la capolista Benevento non cedere il passo grazie alla vittoria di misura sul campo della Paganese. In attesa del Lecce, posticipo del lunedì contro il Catanzaro, tengono il passo dei sanniti tutte le inseguitrici. Il Cosenza sbanca facilmente Rieti, mentre un super Iemmello salva il Foggia contro l’Ischia allo Zaccheria. Non trova la vittoria invece la Casertana che a Martina viene ripresa nel finale da Baclet. Terza vittoria consecutiva per il Messina che chiude il discorso salvezza, come l’Akragas che vince il derby col Catania e consolida la propria classifica. Proprio gli etnei sono la squadra più in crisi del momento, l’arrivo di Moriero al posto di Pancaro non ha portato alla svolta sperata. Giovedì al Massimino si gioca il derby tra Catania e Messina.

RISULTATI E MARCATORI

Arrigoni Cosenza

LUPA CASTELLI ROMANI 0 COSENZA 2: 52′ Statella, 94′ Cavallaro – Lotta strenuamente la squadra di casa, una retrocessione ormai prossima non abbatte i laziali che contro il Cosenza giocano una gara coraggiosa. Calabresi subito pericolosi con Statella ma la grande chance è per la Lupa che con Mastropietro colpisce un palo. Il Cosenza ci prova con Arrighini e La Mantia ma senza fortuna. Nella ripresa la svolta, Arrighini lavora per Statella che punta la porta avversaria e firma il vantaggio. La Lupa non molla e ci prova ancora con Mastropietro, bravo Perina nell’occasione. Il Cosenza gestisce bene il vantaggio e nel recupero trova un clamoroso raddoppio: Caio Secco rinvia corto, Arrigoni recupera e serve Cavallaro che dalla distanza trova un grandissimo gol.

MESSINA 1 MELFI 0: 81′ Tavares – (http://cornermessina.it/tavares-da-urlo-il-messina-piega-il-melfi-4594)

PAGANESE 0 BENEVENTO 1: 15′ Cissè – Vittoria di misura ma partita dominata per il Benevento. Il grande protagonista del primo tempo è Cissè che dopo un quarto d’ora apre il match con un gran tiro da fuori che batte l’incolpevole Marruocco. Sempre l’attaccante sannita sfiora il raddoppio con un bel colpo di testa, stavolta il portiere di Grassadonia respinge. Nella ripresa il Benevento non rischia nulla, nel finale prima Mazzeo e poi Lucioni trovano ancora Marruocco ad evitare la seconda rete.

Iemmello Foggia

FOGGIA 4 ISCHIA 2: 10′ Iemmello, 30′ Iemmello, 36′ Pepe (I), 74′ rig. Kanoute (I), 90′ Iemmello, 93′ Iemmello – A fine gara il coro dello Zaccheria inneggia ad un solo giocatore. Pietro Iemmello è il grande protagonista della vittoria del Foggia sull’Ischia. Neanche dieci minuti ed un tocco in anticipo sulla difesa avversaria regala il vantaggio. Alla mezz’ora il raddoppio: controllo in girata, destro secco respinto da Iuliano che però non può opporsi al secondo tentativo di sinistro dell’attaccante di De Zerbi. Pochi minuti è l’Ischia accorcia; Kanoute ubriaca Di Chiara e mette in mezzo dove Pepe appoggia di testa alle spalle di Micale. Nella ripresa il Foggia non la chiude e l’Ischia trova il pari: ancora Kanoute fa impazzire la difesa foggiana, Loiacono lo stende ed è calcio di rigore. Dal dischetto ci va lo stesso attaccante ed è parità. Il Foggia ci prova in tutti i modi ma senza passare, nel recupero la svolta. Prima è Gerbo a servire una bellissima palla a Iemmello che in spaccata trova il tris. Il poker per Iemmello arriva grazie ad un’azione personale, palla recuperata a centrocampo e volata verso Iuliano, destro potente e partita finita.

JUVE STABIA 1 MATERA 1: 13′ Infantino (M), 83′ Lisi – Non basta un buon Matera per passare sul campo di una Juve Stabia a caccia di punti salvezza. Apre Infantino sugli sviluppi di un calcio d’angolo, dopo per i lucani inizia una gara di controllo. Nella ripresa la Juve Stabia cresce  ma il pari non sembra poter arrivare. Ci pensa ancora Lisi a trovare la via della rete, bravo a sorprendere la difesa del Matera nell’unica sbavatura della gara. Espulso Rolando nel Matera per doppia ammonizione: la prima per simulazione, la seconda per aver scalciato una rete di recinzione dopo essere stato sostituito.

Rigoli Akragas

AKRAGAS 3 CATANIA 2: 11′ rig. Madonia, 44′ Di Grazia, 75′ Di Piazza, 82′ Falcone (C), 95′ Nunzella (C) – Derby vibrante quello dell’Esseneto dove l’Akragas domina fino a dieci dalla fine quando il Catania rientra incredibilmente in partita. Parte fortissimo la squadra di Rigoli, Di Piazza viene steso da Pelagatti ed è rigore: Madonia dal dischetto non sbaglia. Dyulgerov prova a favorire il Catania facendosi cacciare per un doppio giallo in pochi minuti ma è ancora l’Akragas a passare. Di Grazia parte in contropiede solitario, il Catania non c’è ed il raddoppio è servito. Nella ripresa ancora Akragas, prima gestisce e poi triplica con Di Piazza ancora in contropiede. Finale scoppiettante, prima Falcone accorcia poi Bombagi si fa cacciare e riequilibra le forze in campo. Il fortino dell’Akragas regge, anche se una punizione di Nunzella nel recupero lo fa tremare. Il tempo è scaduto, il Catania continua a sprofondare. Ottava vittoria in nove partite per Pino Rigoli sulla panchina dell’Akragas.

FIDELIS ANDRIA 0 MONOPOLI 0 – Non passa la squadra di D’Angelo nel derby contro un Monopoli roccioso e ben chiuso. Assolo di Nicola Strambelli nel primo tempo, il fantasista dell’Andria trova sulla sua strada un grande Pisseri che salva tutto. Nella ripresa i ritmi calano e le occasioni latitano, nel finale ancora Pisseri blocca De Vena. Pareggio che muove la classifica di entrambe.

Casertana

MARTINA FRANCA 1 CASERTANA 1: 45′ Marano (C), 90′ Baclet – Campani reduci da una settimana terribile dopo le sei reti subite a Benevento ed i fatti di cronaca successivi con l’automobile di De Angelis data alle fiamme. Primo tempo di marca pugliese con la squadra di Romaniello costretta ad abbassarsi e difendersi, ma che nel finale trova una rete clamorosamente fortunata: un rimpallo fortuito dopo un rilancio di Marchetti regala a Marano la gioia per il gol del vantaggio. Nel secondo tempo succede tutto nel finale: prima le espulsioni di Bonifazi (doppio giallo al 73′) e Jefferson (fallo di reazione al 83′) che lasciano la Casertana in nove, poi il forcing finale del Martina. La gioia arriva proprio al novantesimo quando Baclet scatta sul filo del fuorigioco e batte Gragnaniello in uscita per la rete del pari. Nel recupero rosso diretto per Tito e Casertana in otto uomini.

LECCE 4 CATANZARO 0: 2′ Moscardelli, 19′ Doumbia, 54′ Papini, 65′ Caturano – Partita a senso unico al Via del Mare dove il Lecce schianta il Catanzaro e vola ad un solo punto dalla capolista Benevento. Apre subito Moscardelli con un’azione personale, stessa cosa fa Doumbia poco dopo chiudendo il primo tempo in scioltezza. Nel secondo tempo il Catanzaro esce dal campo ed il Lecce dilaga. Prima Papini trova un bel destro in diagonale, poi Caturano colpisce con precisione per il poker finale.

CLASSIFICA

Benevento 53 (-1)

Lecce 52

Cosenza 48

Foggia 47

Casertana 47

Matera 42 (-2)

Messina 40

Akragas 35 (-5)

Fidelis Andria 35 (-1)

Paganese 34 (-1)

Juve Stabia 32

Monopoli 29

Catanzaro 27

Catania 26 (-10)

Melfi 24 

Ischia 21 (-4)

Martina Franca 21 (-1)

Lupa Castelli Romani 8 (-1)

*una partita in meno

Messina-Catania

PROSSIMO TURNO (23-24 marzo)

Ischia-Paganese (mercoledì ore 15)

Juve Stabia-Benevento (mercoledì ore 15)

Matera-Martina Franca (mercoledì ore 20.30)

Catanzaro-Lupa Castelli Romani (giovedì ore 14)

Casertana-Akragas (giovedì ore 15)

Catania-Messina (giovedì ore 15)

Melfi-Fidelis Andria (giovedì ore 15)

Monopoli-Foggia (giovedì ore 15)

Cosenza-Lecce (sabato ore 14.30)

CLASSIFICA MARCATORI

Iemmello (Foggia) 17

Caccavallo (Paganese) 12

Baclet (Martina Franca) 11

De Angelis (Casertana) 11

Di Piazza (Akragas) 11

Calil (Catania) 10

Sarno (Foggia) 10

Croce (Monopoli) 9

Gambino (Monopoli) 8

Marotta (Benevento) 8

Nicastro (Juve Stabia) 8

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi