Busatto sulla sirena: il Messina piega la Paganese

di

Pubblicato il 22 Dicembre 2021 in Primo Piano

Da urlo! Vendetta in pieno recupero servita. Una rete di Busatto regala al Messina un successo fondamentale contro la Paganese. Apre Marginean con un grandissimo gol nel primo tempo, poi la resistenza che viene rotta solo dalla rete dell’ex Cretella a due minuti dalla fine. La gioia, però, arriva poco dopo.

LAMPO DI CLASSE – Confermata la sensazione della vigilia, così mister Raciti sceglie Fusco in porta al posto di Lewandowski. Non l’unica modifica rispetto al pari contro il Catania di domenica: in difesa fuori Mikulic e dentro Celic. Nella Paganese, mister Grassadonia, sceglie Scanagatta e Viti sulle corsie esterne come modifiche rispetto al pari contro la Turris. Recuperato, ma solo in panchina, bomber Castaldo. Ritmi bassi e nessun pericolo in un inizio gara che vede il Messina provarci leggermente di più. L’unico dato da annotare, però, resta il giallo sventolato a Damian. Tempo che scorre e inerzia che resta sospesa. Spreca una buona chance Baldé: prima bravo a rubare a palla, poi confuso nel momento di concludere e frenato da Baiocco. Serve una giocata per sbloccare la sfida, puntuale arriva e il protagonista è ancora Marginean. Azione paziente che coinvolge quasi tutti i giallorossi, pallone a Fofana che alza la testa e vede il movimento di Marginean: il rumeno prende il tempo ai due centrali campani, controlla di petto, la porta avanti di testa, destro potente e Baiocco battuto. Un lampo, in un primo tempo che aveva detto pochissimo, ma sbloccato dall’intuizione e personalità del giovane Marginean. Ci prova anche Fantoni su azione di corner, ma è impreciso. La reazione della Paganese produce un mezzo colpo di testa di Firenze che Fusco smanaccia in angolo e nulla più. Due minuti di recupero e squadre al riposo.

FINALE PAZZESCO – Subito in cambio per Grassadonia a inizio ripresa: fuori Scanagatta, dentro Zito con Cretella che viene dirottato sulla corsia destra. Primo squillo della ripresa ancora con Marginean, che si chiude con un nulla di fatto, ma mostra – ancora una volta – la prorompente personalità del giovane scuola Sassuolo. Risposta campana con Cretella, blocca facilmente Fusco. Doppio cambio per Raciti: fuori Simonetti e Damian – un po’ a sorpresa -, dentro Gonçalves e Konate. Spazio alle sostituzioni anche nella Paganese, con Grassadonia che lancia Vitiello e Iannone per Viti e Tissone. Provano a incidere i cambi di Raciti, soprattutto un Gonçalves ispirato e imprendibile a sinistra. Non ne approfittano Adorante e Baldé, ma squillo deciso del portoghese. Utile anche a rialzare il baricentro di una squadra leggermente schiacciata. Grassadonia gioca la carta Castaldo, ma è ancora il Messina a pungere: cambio campo perfetto di Marginean per Rondinella, cross forte a premiare il rimorchio di Baldé, destro secco fermato dall’intervento alla disperata di Schiavino. Momento delicato della gara, con la squadra di Raciti consapevole di dover trovare un raddoppio necessario per spegnere le speranza di una Paganese, ora, in campo con tutte le sue armi offensive. Diventa protagonista anche Fusco, bravo a deviare un colpo di testa sporco di Piovaccari. Sempre il numero 9 a provarci poco dopo, facile l’intervento per Fusco. Messina che si abbassa e non riesce più ad appoggiarsi su Adorante. Una sofferenza che inizia troppo presto. Dalle parti di Fusco non succede moltissimo, ma i giallorossi restano troppo bassi invitando Castaldo e compagni ad avanzare. Lotta Adorante, provando a tenere alta la palla e diventando autore di una prova di grandissimo carattere. Troppo poco, perché il Messina resta basso e la Paganese può approfittarne: azione confusa in area, pallone che finisce a Cretella che può calciare liberamente, destro leggermente deviato e Fusco battuto. Pari che arriva a due minuti dalla fine, il Messina non ci sta e colleziona corner in serie. Marginean ci prova da lontano impegnando Baiocco, ma il muro Paganese sembra reggere. Invece no, perché i giallorossi ci credono: Konate lancia lungo verso Distefano che di testa scavalca Baiocco, il portiere prova a salvarsi sulla riga, ma la sua smanacciata viene deviata Busatto. Messina in vantaggio sulla sirena. Non c’è più tempo. Vittoria pesantissima per i giallorossi.

MESSINA 2

PAGANESE 1

MARCATORI Marginean (M) al 37′ p.t.; Cretella (P) al 43′, Busatto (M) al 48′ s.t.

MESSINA (3-5-2) Fusco; Fantoni, Celic, Carillo; Rondinella, Fofana, Damian (dal 12′ s.t. Konate A.), Marginean, Simonetti (dal 12′ s.t. Gonçalves); Adorante (dal 42′ s.t. Busatto), Baldé (dal 26′ s.t. Distefano). (Lewandowski, Russo, Catania, Mikulic, Nicosia, Giuffrida, D’Amore, Spaticchia). All. Raciti

PAGANESE (3-5-2) Baiocco; Schiavino, Sbampato, Bianchi (dal 20′ s.t. Murolo); Scanagatta (dal 1′ s.t. Zito), Cretella, Tissone (dal 16′ s.t. Vitiello), Firenze, Viti (dal 16′ s.t. Iannone); Piovaccari, Guadagni (dal 21′ s.t. Castaldo). (Pellecchia, Caruso, Konate D., Schiavi, Castaldo, Perlingieri, Zanini, Iannone, Del Regno). All. Grassadonia

ARBITRO Carella di Bari

NOTE Spettatori 421. Ammoniti Damian, Tissone, Bianchi, Baldé, Distefano. Corner 6-5. Recupero 2′ e 4′.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi