Di Napoli: “Pretendo rispetto, questo Messina è una mia creatura”

di

Pubblicato il 30 gennaio 2016 in Primo Piano

Due settimane di silenzio, il ritorno in sala stampa al fischio finale di una vittoria che regala al Messina nuove convinzione ed un’importante fetta di salvezza. Di Napoli non nasconde ansie e preoccupazioni alla vigilia dei pronunciamenti della Giustizia Sportiva, ma le sue parole iniziano a delineare i primi possibili scenari: “Ribadirò in ogni sede la mia estraneità ai fatti, in caso di esito negativo preparerò il processo di appello. I giocatori devono restare tranquilli, vigilerò sempre sul loro lavoro: non voglio fare torti a nessuno, ma posso dichiarare senza esitazioni che questo Messina è una mia creatura, sono visibili le mie tracce in ogni singolo passaggio. Se dovessi essere condannato la proprietà farà le sue valutazioni: non ho alcun problema a dire che pretendo rispetto per quanto costruito a Messina in questi mesi quando nessuno avrebbe scommesso un centesimo sul nostro progetto. Se qualcuno dovesse iniziare a considerarmi un peso non avrei problemi ad andarmene, non sarò mai d’intralcio per nessuno”.

LA GARA –  Nessuna sfuriata negli spogliatoi, il Messina visto nella ripresa contro il Monopoli come simbolo di un gruppo pronto ad allontanare tutti i fantasmi apparsi dalla sfida con il Benevento: “Quei cinque gol non sono stati ancora del tutto metabolizzati, sapevamo di dover dimostrare qualcosa in più dopo tutte le critiche subite nelle scorse settimane. Nell’intervallo ho spinto i miei ragazzi verso una vittoria che era alla nostra portata, nella ripresa siamo scesi in campo con la giusta convinzione e la gara si è subito incanalata sui binari giusti. Con questo successo abbiamo raggiunto quota 29 punti, un sogno se consideriamo da dove siamo partiti: nessuno può immaginare la mia felicità per una vittoria che potrebbe rappresentare la spallata decisiva per la salvezza”. Lunedì il verdetto della Giustizia Sportiva: “Sono sereno per la mia situazione, spero di poter continuare a fare questo mestiere con lo spirito di lealtà che mi ha sempre contraddistinto”.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi