Diogo Adventure: un esordio da incorniciare

Pubblicato il 20 settembre 2015 in Primo Piano

Ci pensa l’ultimo arrivato, l’attaccante portoghese Diogo Tavares, a regalare al Messina un esordio brillante al “Veneziani” di Monopoli: la precisa incornata dell’ex dorico dal centro dell’area conferma la personalità e il coraggio di un gruppo ancora oggi catalogabile nell’abusata espressione di “cantiere aperto”. Spettacolo frutto di fiammate improvvise quello andato in scena a Monopoli tra due squadre figlie delle medesime incertezze; la voglia di reagire, dunque, con l’entusiasmo e la consapevolezza di poter battagliare contro qualunque avversario: Di Napoli dovrà lavorare ancora a lungo su questo Messina, ma la strada imboccata sembra presagire sviluppi positivi. Veniale, a questo proposito, l’espulsione di Burzigotti che ha trasformato un mediocre 0-0 in un 1-1 da incorniciare: peccati di gioventù oggi necessari per saggiare la compattezza, l’equilibrio e l’ambizione di una squadra chiamata a far riesplodere la passione dopo le amarezze della passata stagione.

Queste le pagelle di Corner Messina dopo Monopoli – Messina:

Berardi 6: Stagione della maturità per lui. Sicuro sulla botta di Gambino e lo sgusciante Difino; praticamente incolpevole sul gol.

Frabotta 5,5: Soffre le avanzate di Pinto e non trova i tempi per appoggiare la manovra offensiva.

Palumbo 6: Rimane in campo poco più di mezz’ora. Scelto da Di Napoli per la sua rapidità, deve lasciare il campo per infortunio dopo una prestazione sufficiente. (dal 33’ Burzigotti 4: Troppo irruente nelle due occasioni che portano al doppio giallo. In evidente ritardo di condizione).

Martinelli 6: La Serie A è il passato, si ricomincia sui pesanti campi di Lega Pro. Guida la fase difensiva con personalità, anche lui deve ancora crescere fisicamente.

De Vito 5,5: Come Frabotta non riesce a trovare continuità nell’appoggio alla manovra offensiva.

Giorgione 6,5: Strappi e ripartenze, è l’uomo in più in ogni reparto. Di Napoli gli chiede tanto lavoro senza palla, lui ci mette grinta e trova una traversa clamorosa.

Bramati 5,5: Come tutta la squadra ha buone idee, però manca ancora la precisione nel dettare i tempi di gioco.

Fornito 6: Il campo lo limita, troppo pesante e poco scorrevole per il suo gioco.

Padulano 6,5: Tanto movimento, ma come tutti i suoi compagni più tecnici soffre un campo divenuto fangoso per la pioggia. Dal suo piede mancino nasce il pari di Diogo Tavares.

Salvemini 5: Si sacrifica per la squadra, spalle alla porta può poco sia per attitudine che per fisicità. (dal 59’ Diogo Tavares 7: Gettato nella mischia senza neanche un allenamento, ci mette tanta esperienza e coraggio fisico. Apre gli spazi e trova il pari con un gran colpo di testa).

Barraco 7: Non c’è solo tecnica nella sua partita. L’esterno sinistro sa anche rincorrere ed aiutare la squadra. Bravissimo a riempire gli spazi tra le linee ed ispirare i compagni. (dal 75’ Russo 6: Di Napoli gli chiede il sacrificio di giocare centrale difensivo dopo l’espulsione di Burzigotti, porta a casa il compito con attenzione).

Di Napoli 6: Nel post partita ammetterà che la mancanza di coraggio ha influito sull’andamento del match. Quello arriverà con condizione e automatismi, intanto a Monopoli si è vista una squadra con idee di calcio e messa in campo con ordine.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi