Il fattore Ragosta: il Messina spegne l’Ercolanese

di

Pubblicato il 29 marzo 2018 in Primo Piano

Soleggiato pomeriggio pre-Pasquale, un San Filippo che vede ancora protagonista un Messina capace di imporre la propria forza sull’avversario. Doveva essere lo scontro diretto in chiave playoff, forse rimarrà la vittoria del rimpianto anche se la partita da recuperare contro il Palazzolo potrebbe portare i giallorossi a -9 dall’Ercolanese. Campani che non riescono a trovare continuità esterna, contro un Messina non trascendentale non arrivano chance e il rammarico resta al minimo. Giallorossi squadra matura, quando non c’è lo spazio per lo spettacolo ecco che la squadra di Modica sa trasformarsi in una macchina cinica.

IL MORSO – Due novità rispetto alla formazione iniziale di Barcellona: fuori l’infortunato Meo e l’acciaccato Cozzolino, al loro posto tocca a Rinaldi e Bossa. In avanti confermato Stranges nel ruolo di esterno destro, Rosafio ancora una volta schierato da falso nove. Squalificato fino al 30 maggio mister Modica, in panchina c’è Michele Facciolo. Nell’Ercolanese mister Squillante perde il centravanti El Ouazni, al suo posto Sorrentino con Minopoli dirottato nel ruolo di riferimento centrale. Non decolla il match al San Filippo: Messina che non riesce a sviluppare il suo classico gioco in velocità, si insiste con inutili traversoni impossibili per gli attaccanti giallorossi. Ercolanese che si fa notare solo per il giallo beccato da Tedesco per simulazione, il contatto con Inzoudine è valutato come impercettibile dal direttore di gara. Carbura lentamente la squadra di casa, prima puntura firmata da Stranges che, ben servito in profondità, si vede fermare dall’assistente. Pochi attimi e il Messina passa: Rosafio si abbassa a centrocampo, taglio in diagonale per servire Ragosta che brucia Todisco e salta Mascolo con un tocco sotto. Un lampo in una gara con pochissime emozioni: Messina che punge ancora con Ragosta, il suo controllo in corsa e destro a giro strappa applausi ma pecca di precisione. Per l’Ercolanese tanta corsa ma poca incisività offensiva. Il finale è tutto di marca giallorossa, ancora il cobra Ragosta il più pericoloso fermato solo dal salvataggio sulla linea di Poziello.

MISSIONE COMPIUTA – Ripresa che inizia forte per l’Ercolanese: mister Squillante boccia Minopoli e getta nella mischia Rekik. Il nuovo entrato prova a dare la scossa, azione insistita chiusa in corner da Rinaldi. Il Messina risponde da palla inattiva: scambio Rosario-Lia e pallone scaricato su Ragosta, il suo destro sorvola la traversa. Ercolanese che si fa notare solo per le sostituzioni, dura meno di un’ora l’opaca prova dell’ex Pezzella. La panchina giallorossa risponde con Cozzolino e Carini per uno spaesato Bossa e Stranges. Campani che ci provano ancora in mischia, un colpo di testa infido di Poziello viene deviato in angolo dall’attento Rinaldi, bravo anche sul successivo corner a chiudere in uscita. La risposta del Messina non si fa attendere: prima Lavrendi spreca di testa, manca forza nel tentativo del centrocampista di Modica. Poi tocca a Carini sparare a salve dopo una bella azione di Inzoudine. Ancora Messina pericoloso, e questa volta il rammarico è immenso: azione d’angolo per l’Ercolanese, Lia recupera e lancia Rosafio che salta Esposito con Carini tutto solo in area in attesa del pallone, passaggio molle con Mascolo che esce e blocca. Spreco clamoroso dei giallorossi, giornata leziosa per Rosafio. L’Ercolanese punge quasi senza volere, Tedesco svirgola un cross che incoccia la traversa con Rinaldi fuori posizione. Recupero con gioia per il Messina che raddoppia in contropiede: Mascari vince un rimpallo nel cerchio di centrocampo e si invola, resiste alle cariche e batte Mascolo con un destro potente. Sul ribaltamento mischia in area giallorossa, tocco di mano e penalty per i campani: Sorrentino spiazza Rinaldi ma il tempo è scaduto. Vittoria meritata per il Messina.

MESSINA           2

ERCOLANESE   1

MARCATORI Ragosta (M) al 24′ p.t.; Mascari (M) al 47′, Sorrentino (E) su calcio di rigore al 49′ s.t.

MESSINA (4-3-3) Rinaldi; Lia (dal 33′ s.t. Iudicelli), Bruno, Manetta, Inzoudine; Bossa (dal 14′ s.t. Cozzolino), Migliorini, Lavrendi (dal 25′ s.t. Cassaro); Stranges (dal 14′ s.t. Carini), Rosafio (dal 43′ s.t. Mascari), Ragosta. (Di Marzo, Barbera, Bucca, Balsamà). All. Facciolo (Modica squalificato)

ERCOLANESE (4-3-3) Mascolo; Todisco (dal 40′ s.t. Coppola), Varchetta, Poziello (dal 31′ s.t. Maisto), Esposito; Conte, Pezzella (dal 9′ s.t. Costantino), Ausiello (dal 9′ s.t. Fontana); Tedesco, Minopoli (dal 1′ s.t. Rekik), Sorrentino. (Cioce, Fusco, Coppola, Pastore, Catavere). All. Squillante

ARBITRO Emmanuele di Pisa

NOTE Spettatori 300. Ammoniti Tedesco, Varchetta, Fontana, Cassaro. Espulsi Corner 2-7. Recupero 2′ e 4′.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi