Foggia, che follia. Rallentano Benevento e Lecce, crisi nera per il Catania

di

Pubblicato il 6 Marzo 2016 in Punto D

Venticinquesimo turno del Girone C della Lega Pro che si concluderà lunedì sera con il posticipo tra Matera e Cosenza. Sabato infuocato quello del gruppo meridionale, protagonista (suo malgrado) il Foggia di Roberto De Zerbi. I rossoneri crollano ad Andria, al rientro il pullman foggiano viene bloccato da alcuni teppisti che aggrediscono giocatori e staff tecnico. Follia del calcio italiano, dove c’è qualcuno che ha il coraggio di usare un termine nobile come “tifosi” per personaggi del genere. Tornando al campo: in testa stop per il Lecce, beffato al Via del Mare dal Melfi; e per il Benevento che impatta a Catanzaro. Torna in corsa la Casertana dopo la bella vittoria sull’Ischia. In basso vittorie pesanti per Juve Stabia, che blocca la marcia trionfale dell’Akragas, e del Martina Franca che manda all’inferno il Catania di Moriero.

RISULTATI E MARCATORI

FIDELIS ANDRIA 3 FOGGIA 0: 32′ Bollino, 72′ Bisoli, 79′ Cianci – Crollo senza attenuanti per il Foggia sul campo di una Fidelis Andria cinica e spietata. La squadra di De Zerbi produce gioco ma commette troppi errori. Primo e secondo gol in fotocopia, possesso palla foggiano che regala palla agli avversari con Bollino e Bisoli capaci far gioire i propri tifosi. La testa è staccata, ancora un contropiede punisce i rossoneri con la rete del rientrante Cianci. Panchina a rischio per Roberto De Zerbi con Carmine Gautieri in pole per la sostituzione.

LUPA CASTELLI ROMANI 0 MESSINA 1: 86′ Ionut – (http://cornermessina.it/lupa-castelli-messina-0-1-risolve-ionut-esordio-da-incorniciare-4272)

Mangiacasale Casertana

CASERTANA 2 ISCHIA 0: 37′ Matute, 48′ Alfageme – Dominio assoluto per la squadra di Romaniello contro l’Ischia di Nello Di Costanzo. Rino Iuliano tiene in vita i suoi il più possibile, ottimi gli interventi su Alfageme. Prima dell’intervallo ci vuole un super gol di Matute che scaglia una botta dai 30 metri che batte Iuliano. Nella ripresa il dominio continua, favorito dal raddoppio immediato di Alfageme servito da un ottimo Mangiacasale.

MARTINA FRANCA 1 CATANIA 0: 32′ Baclet – Vittoria pesantissima per il Martina che rovina l’esordio sulla panchina etnea di Checco Moriero. Primo tempo solo pugliese con Baclet che prima fa le prove generali, e poi batte Liverani complice una dormita difensiva. Nella ripresa il Catania cresce ma prima Bombagi poi Calderini sprecano.

Juve Stabia

JUVE STABIA 3 AKRAGAS 1: 13′ Di Piazza (A), 45′ Lisi, 47′ Del Sante, 86′ Nicastro – Si fermano  a sei le vittorie consecutive di Pino Rigoli. Il suo Akragas si illude di poter realizzare la settima sinfonia sul campo di una buona Juve Stabia. Apre Di Piazza bravo a sfruttare una sbavatura di Carillo. La beffa per i siciliani arriva a pochi secondi dall’intervallo, quando Diop aggiusta per Lisi che trova il gol del pari. Nella ripresa non c’è gara, Del Sante manda subito in vantaggio i campani con un gran colpo di testa, fa lo stesso Nicastro nel finale per il 3-1 che chiude la contesa.

PAGANESE 1 MONOPOLI 1: 48′ Gambino (M), 83′ Vella – Bella la sfida del Pinto che vede padroni di casa e ospiti pugliesi dividersi la posta in palio. Primo tempo di marca campana, con Carcione che scuote la porta di Pisseri cogliendo un palo clamoroso. Ad inizio ripresa passa il Monopoli. Bravo Croce ad anticipare tutti su azione di corner. Il pari arriva solo nel finale con Vella che riesce a battere Pisseri dopo una mischia. Nel recupero Caccavallo trova il palo e per la Paganese la vittoria sfuma.

Auteri Benevento

CATANZARO 1 BENEVENTO 1: 28′ Agnello, 68′ Melara (B) – Partita ricca di occasioni quella del Ceravolo dove i padroni di casa riescono a frenare la corsa della capolista. Il Benevento crea tantissimo nel primo tempo ma a passare è il Catanzaro. Azione d’angolo con Agnello dimenticato dalla difesa sannita. Prima erano stati Marotta e Ciciretti a provarci. Nella ripresa il Catanzaro prova a chiuderla ma Mancuso non è fortunato. Diversa sorte per Melara, un suo tiro non irresistibile trova una deviazione ed è parità. Il Benevento ci prova ma senza successo.

LECCE 1 MELFI 1: 9′ Masini (M), 94′ Caturano – Si salva nel recupero il Lecce di Piero Braglia. Nel primo tempo il Melfi passa subito con Masini bravo a concludere una bella azione di Maimone. Moscardelli trova il palo su punizione e la reazione del Lecce è tutto qui. Nella ripresa la pressione aumenta ma il Melfi sembra poter tenere il clamoroso vantaggio. Ci pensa un ex a beffare i lucani. Salvatore Caturano in pieno recupero sfrutta un cross di Lepore e salva un brutto Lecce.

MATERA-COSENZA (lunedì ore 20)

CLASSIFICA

Benevento 47 (-1)

Casertana 46

Lecce 46

*Cosenza 44

Foggia 44

*Matera 35 (-2)

Messina 34

Fidelis Andria 33 (-1)

Paganese 33 (-1)

Akragas 31 (-3)

Juve Stabia 30

Monopoli 28

Catanzaro 27

Catania 25 (-10)

Melfi 23

Ischia 20 (-4)

Martina Franca 19 (-1)

Lupa Castelli Romani 8 (-1)

Messina

PROSSIMO TURNO (12-13 marzo)

Cosenza-Paganese (sabato ore 15)

Ischia-Fidelis Andria (sabato ore 15)

Melfi-Martina Franca (sabato ore 15)

Monopoli-Lecce (sabato ore 15)

Catania-Juve Stabia (domenica ore 14)

Benevento-Casertana (domenica ore 15)

Matera-Catanzaro (domenica ore 17.30)

Messina-Foggia (domenica ore 17.30)

Akragas-Lupa Castelli Romani (lunedì ore 14)

CLASSIFICA MARCATORI

Iemmello (Foggia) 12

Caccavallo (Paganese) 12

De Angelis (Casertana) 11

Calil (Catania) 10

Sarno (Foggia) 10

Baclet (Martina Franca) 10

Croce (Monopoli) 9

Gambino (Monopoli) 8

Nicastro (Juve Stabia) 8

Di Piazza (Akragas) 8

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi