Foggia, profumo di vetta. Lecce salvo sul finale, Messina contento solo in parte

di

Pubblicato il 13 dicembre 2015 in Punto C

Quindicesimo turno del Girone C della Lega Pro. Non mancano le sorprese in questa penultima giornata prima della sosta natalizia. Cade la capolista Casertana, sconfitta nettamente sul campo di una splendida Fidelis Andria. Alle spalle della squadra di Romaniello sale il Foggia che batte in casa un coraggioso Cosenza, mentre il Lecce si ferma sul pari a Pagani. Vittoria per il Benevento in casa col Martina. Il Messina non vince più.

RISULTATI E MARCATORI – Ischia 0-5 Matera (44′ 65′ Armellino, 53′ Letizia, 86′ Ingrosso, 88′ Piccinni): strana la sfida del “Mazzella”, dopo un primo tempo sbloccato dal calcio di punizione di Armellino ma giocato in sostanziale equilibrio; nel secondo crolla la squadra di Bitetto colpita ripetutamente dal Matera. Risultato larghissimo, per l’Ischia sono dieci i gol subiti nelle ultime due partite.

IMG_1404

Melfi 3-3 Catania (23′ Longo, 27′ rig. Herrera, 78′ Canotto; 19′ Agazzi, 31′ 73′ Russotto): alla fine è il Melfi a recriminare per il risultato di parità. Molto meglio i lucani nello sviluppo del gioco, con il Catania aggrappato alle giocate dei singoli. Apre Agazzi per gli etnei ma Longo e il rigore di Herrera (netto) portano in vantaggio il Melfi. Russotto impatta e poi manda in vantaggio la squadra di Pancaro, immediato ancora una volta il pari con Canotto. Tanti gol ed emozioni, tutto condito da una miriade di errori.

Fidelis Andria 2-0 Casertana (37′ Cortellini, 60′ Cianci): bella sfida al “Degli Ulivi”, padroni di casa che battono con merito la capolista grazie ad un gol per tempo. Apre Cortellini che finalizza una bella azione sulla catena di destra tra Grandolfo e Tartaglia. Nella ripresa la Casertana resta in dieci per il doppio giallo a Murolo e poi subisce il raddoppio col contropiede di Cianci, espulso anche lui dieci minuti dopo il gol.

Juve-Stabia-Casertana-1-2-Lega-Pro-2015-2016-26-750x400

Lupa Castelli Romani 1-2 Juve Stabia (8′ Strasser; 71′ 89′ Nicastro): una papera di Polito spiana la strada a Strasser che firma con una botta da fuori il match. Juve Stabia squadra strutturata, con pazienza arriva il pari con Nicastro bravo a farsi trovare pronto in mezzo all’area su un’azione confusa. La doppietta per la vittoria arriva sul finale con un gran colpo di testa in anticipo sugli sviluppi di una palla inattiva.

Monopoli 1-1 Catanzaro (26′ Gambino; 21′ Agnello): un pareggio che sta stretto al Monopoli che in casa non riesce ad approfittare di un Catanzaro non irresistibile. Calabresi in vantaggio con un furbo colpo di testa di Agnello che sorprende Pisseri. Pugliesi che pareggiano immediatamente con Gambino che sfrutta un bel cross di Luciani. Nella ripresa domina il Monopoli ma senza raccogliere frutti.

Messina 1-1 Akragas (20′ Fornito; 10′ Cristaldi): una distrazione difensiva di reparto regala il vantaggio alla squadra di Legrottaglie, bravo il centravanti argentino Cristaldi ad approfittarne. Ci pensa Fornito con una morbida punizione mancina a riportare tutto in parità. Nella ripresa traversa dell’Akragas con Marino. Il Messina si tiene stretto il punto.

piero-braglia1

Benevento 2-1 Martina Franca (5′ Marotta, 62′ Del Pinto; 12′ Curcio): la sblocca una spettacolare azione corale della squadra di Auteri. Si parte col tacco di Mazzeo, poi Melara in mezzo per Ciciretti che spizza e Marotta che batte Gabrieli. Immediato il pareggio del Martina Franca, calcio di punizione mancino di Curcio che batte Gori. Il Benevento ci crede di più, obbligato a vincere per non perdere il treno promozione. Ci pensa Del Pinto a far infiammare il “Vigorito”, con il pareggio contemporaneo del Lecce il Benevento è adesso terzo.

Paganese 1-1 Lecce (47′ Guerri; 90′ rig. Lepore): brutto primo tempo al “Torre” senza grosse occasioni. Nella ripresa si accende la sfida, aperta dal vantaggio campano di Guerri. Il Lecce non ci sta e ci prova fino alla fine, sembra non riuscire ad impattare fin quando Esposito non stende in area Diop ed è calcio di rigore. Lepore è freddissimo e batte un nervoso Marruocco, ammonito per proteste.

Foggia 2-0 Cosenza (30′ 40′ Iemmello): un primo tempo di dominio assoluto della squadra di De Zerbi. Una doppietta di Iemmello che spassa via un Cosenza ben messo in campo da mister Roselli. Gol da bomber vero quelli di Iemmello, bravo a sfruttare le giocate di Riverola e Sarno. Per la squadra di De Zerbi la vetta è più vicina.

CLASSIFICA

Casertana 30

Foggia 28

Benevento 26 (-1)

Lecce 26

Cosenza 24

Messina 22

Fidelis Andria 22

Matera 19 (-2)

Juve Stabia 19

Paganese 19 (-1)

Catanzaro 19

Monopoli 18

Akragas 16

Ischia 14 (-4)

Catania 13 (-11)

Martina Franca 11 (-1)

Melfi 11

Lupa Castelli Romani 5 (-1)

12083706_10207775144086133_761405404_n

PROSSIMO TURNO

Catania-Paganese (sabato ore 15)

Martina Franca-Foggia (sabato ore 17.30)

Juve Stabia-Monopoli (sabato ore 20.30)

Matera-Lupa Castelli Romani (sabato ore 20.30)

Akragas-Melfi (domenica ore 14)

Catanzaro-Ischia (domenica ore 14)

Lecce-Benevento (domenica ore 15)

Cosenza-Fidelis Andria (domenica ore 17.30)

Casertana-Messina (lunedì ore 20)

* foto evidenza ©PeppeSaya

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi