Il Foggia non sbaglia, il Lecce non molla. Vibonese, vittoria della speranza

di

Pubblicato il 26 marzo 2017 in Punto C

Trentunesimo turno del Girone C della Lega Pro: passa a Catania la capolista Foggia grazie all’autorete del brasiliano Drausio. Non molla il Lecce che archivia la pratica Fondi nei primi dieci minuti della sfida. In zona playout solo pari nello scontro diretto tra Melfi e Akragas, impatta anche la Reggina sul difficile campo del Siracusa. Vittoria sul filo di lana per la Vibonese contro la Fidelis Andria.

CASERTANA – COSENZA 1-1

De Marco (Ca) al 35′ p.t.

Mendicino (Co) al 30′ s.t.

CASERTANA (4-3-1-2) Ginestra; Finizio, D’Alterio, Rainone, Ramos; Carriero (dal 10′ s.t. Giorno), Rajcic, De Marco (dal 34′ s.t. Lorenzini); Cisotti; Corado, Ciotola (dal 22′ s.t. Magnino). All. Tedesco

COSENZA (4-2-3-1) Perina; Corsi, Blondett, Pinna, D’Orazio; Ranieri, Calamai; Cavallaro (dal 7′ s.t. Letizia), Mungo, Statella (dal 37′ s.t. Criaco); Baclet (dal 18′ s.t. Mendicino). All. De Angelis

PARI – Un tempo a testa e una rete ciascuno per un pareggio che non scontenta nessuno e mantiene salda la posizione nella griglia playoff. Il gran destro di De Marco apre la sfida: imparabile per Ginestra il tiro che muore sotto l’incrocio dei pali. Nella ripresa il Cosenza reagisce: Letizia scappa alla difesa avversaria, scarico per Corsi che crossa in area dove Mendicino anticipa tutti e impatta.

CATANIA – FOGGIA 0-1

aut. Drausio al 4′ s.t.

CATANIA (4-3-3) Pisseri; Parisi, Bergamelli, Drausio, Marchese; Biagianti, Scoppa, Bucolo (dal 25′ s.t. Tavares); Di Grazia, Mazzarani (dal 35′ s.t. Pozzebon), Russotto. All. Pulvirenti

FOGGIA (4-3-3) Guarna; Loiacono, Martinelli, Coletti, Rubin (dal 40′ s.t. Figliomeni); Agnelli, Agazzi, Deli (dal 17′ s.t. Gerbo); Chiricò (dal 18′ s.t. Sainz-Maza), Mazzeo, Di Piazza. All. Stroppa

ESAME SUPERATO – Il colpo di tacco di Bergamelli si schianta sulla traversa, il Catania sfiora un pari che prova ad acciuffare coi denti ma senza successo. Alla capolista Foggia basta una deviazione sfortunata di Drausio nella propria porta, arrivano 3 punti che rappresentano un altro passettino verso la promozione. Catania che non punge fino al gol dello svantaggio, dopo recrimina quando Guarna si salva per bravura, imprecisione avversaria e un pizzico di fortuna.

LECCE – FONDI 2-0

Maimone al 5′ p.t.

Torromino su calcio di rigore al 8′ p.t.

LECCE (4-3-3) Perucchini; Vitofrancesco, Cosenza, Giosa, Drudi; Ferreira, Fiordilino, Maimone (dal 34′ s.t. Tsonev); Pacilli (dal 38′ s.t. Doumbia), Caturano, Torromino. All. Padalino

FONDI (4-2-3-1) Baiocco; Galasso, Bertolo, Signorini, Squillace (dal 23′ s.t. Giannone); Varone, De Martino; Tiscione, Addessi (dal 19′ p.t. Gambino), Calderini (dal 44′ s.t. Capuano); Albadoro. All. Pochesci

SPRINT – Bastano una manciata al Lecce per piegare un Fondi che incappa nella terza sconfitta stagionale: avvio sprint con Maimone che porta in vantaggio i salentini con un perfetto inserimento da dietro. Raddoppio firmato da Torromino che insacca un rigore da lui conquistato. Perucchini salva su Gambino e Tiscione col primo tempo che non trova altre emozioni. Nella ripresa grande gestione e vittoria importantissima per la formazione di Padalino.

MELFI – AKRAGAS 0-0

MELFI (3-5-2) Gragnaniello; Romeo, Laezza, De Giosa; Bruno, Esposito, Vicente, Marano (dal 24′ s.t. De Angelis), Lodesani; De Vena (dal 39′ s.t. Pandolfi), Gammone (dal 42′ s.t. Demontis). All. Diana

AKRAGAS (3-5-2) Pane; Mileto, Thiago Cazé, Riggio; Longo, Coppola (dal 32′ s.t. Russo), Bramati (dal 1′ s.t. Pezzella), Palmiero, Sepe; Salvemini, Cocuzza (dal 36′ s.t. Leveque). All. Di Napoli

BLOCCATI – Pareggio che non scontenta la squadra di Lello Di Napoli che non consente al Melfi di tirarsi fuori dalla zona playout. Lucani vicini al gol prima con Gammone poi con Esposito e De Giosa, bravo e fortunato Pane che si salva anche grazie alla traversa. Beffa finale per il Melfi quando De Angelis sfiora il palo illudendo i lucani.

SIRACUSA – REGGINA 1-1

Cane (R) al 39′ p.t.

Longoni (S) al 43′ p.t.

SIRACUSA (4-2-3-1) Santurro; Diakité, Turati, Pirrello, Malerba; Palermo, Spinelli; Azzi (dal 24′ s.t. De Silvestro), Longoni (dal 18′ s.t. Catania), Valente; Scardina (dal 32′ s.t. Persano). All. Sottil

REGGINA (3-5-2) Sala; De Vito, Kosnic, Cucinotti; Cane, Knudsen, Botta, De Francesco (dal 11′ s.t. Bangu), Porcino (dal 16′ s.t. Maesano); Bianchimano (dal 16′ s.t. Leonetti), Coralli. All. Zeman

RESISTENZA – Il gol di Cane regala alla Reggina un pesantissimo punto lontano dal Granillo. Vantaggio amaranto con il terzino destro che finalizza un’azione corale. Il Siracusa ci mette poco a impattare con Longoni che batte Sala con un colpo di testa su cross di Diakité. Nella ripresa ci provano solo i siciliani, la squadra di Zeman resiste e contiene. Nel recupero espulso Turati per una gomitata a De Vito.

VIBONESE – FIDELIS ANDRIA 1-0

Viola al 42′ s.t.

VIBONESE (3-5-2) Russo; Silvestri, Manzo, Moi; Francino, Viola, Giuffrida (dal 18′ s.t. Favasuli), Legras (dal 20′ s.t. Saraniti), Minarini (dal 39′ s.t. Scapellato); Sowe, Bubas. All. Campilongo

FIDELIS ANDRIA (3-5-2) Cilli; Tartaglia, Rada, Curcio; Annoni, Berardino (dal 15′ s.t. Minicucci), Vasco, Cruz, Tito; Croce, Cianci (dal 32′ s.t. Volpicelli). All. Favarin

COLPACCIO – Finale incandescente al Razza dove la Vibonese trova una vittoria clamorosamente importante. Match bloccato sullo 0-0 fino al destro a giro di Luigi Viola su assist di Silvestri. Lo stesso difensore ex Messina viene espulso per doppio giallo poco dopo, lo emula il compagno Moi che nel recupero si fa cacciare per proteste. Vibonese in 9 ma il tempo è scaduto.

JUVE STABIA – CATANZARO 2-2

Paponi (J) al 1′ p.t.

Sarao (C) al 8′ p.t.

Prestia (C) al 42′ p.t.

Kanoute (J) su calcio di rigore al 48′ s.t.

JUVE STABIA (4-3-3) Russo; Cancellotti, Santacroce, Morero, Camigliano (dal 21′ s.t. Marotta); Matute, Capodaglio, Lisi; Kanoute, Paponi (dal 13′ s.t. Liviero), Cutolo (dal 38′ s.t. Manari). All. Carboni

CATANZARO (4-4-2) De Lucia; Pasqualoni, Prestia, Sirri, Sabato; Mancosu, Van Ransbeeck (dal 30′ s.t. Bensaja), Maita, Cunzi (dal 42′ s.t. Basrak); Sarao, Giovinco (dal 17′ s.t. Patti). All. Erra

BEFFA – Una rete in pieno recupero di Kanoute toglie la gioia della vittoria ad un coraggioso Catanzaro. Calabresi subito sotto con la rete di Paponi che mette dentro un bel cross di Lisi. Pari immediato con Sarao che scappa sul filo dell’offside servito da Mancosu. Prima dell’intervallo calabresi avanti con Prestia: angolo di Giovinco, testata precisa del difensore e Catanzaro in vantaggio. Nella ripresa il veleno è nella coda: cross di Cancellotti e tocco di mano di Maita, proteste infinite ma alla fine Kanoute si presenta dal dischetto e non sbaglia. Espulso Liviero al 95′.

MATERA – MESSINA 5-1

Mattera (Ma) al 9′ p.t.

Lanini (Ma) al 29′ p.t.

Salandria (Ma) al 3′ s.t.

da Silva (Me) al 13′ s.t.

Casoli (Ma) al 17′ s.t.

Sartore (Ma) al 37′ s.t.

(Messina, il Matera non fa sconti: 5 schiaffi dai lucani)

MONOPOLI – VIRTUS FRANCAVILLA 1-1

Montini (M) al 8′ s.t.

Albertini (V) al 20′ s.t.

MONOPOLI (4-3-3) Furlan; Carissoni, Esposito, Ferrara, Mercadante; Sounas, Nicolini (dal 42′ s.t. Cavagna), Pinto; Montini (dal 35′ s.t. Vuthaj), Gatto, Nadarevic (dal 29′ s.t. Genchi). All. Bucaro

V. FRANCAVILLA (3-5-2) Albertazzi; Pino, Idda, Vetrugno, Albertini, Triarico (dal 36′ p.t. Ayina), Galdean, Prezioso, Turi (dal 16′ s.t. Pastore); Alessandro, Abate. All. Calabro

PUNTICINO – Un pareggio che fa classifica quello che il Monopoli trova contro una Virtus Francavilla che spreca anche un calcio di rigore nel primo tempo con Alessandro che spara tra le braccia di Furlan. Un colpo di testa di Montini sblocca la sfida nella ripresa, il Francavilla non ci sta a subire la terza sconfitta consecutiva e reagisce. Il pari è firmato da Albertini che chiude una bella azione di Pastore. Nel finale espulso Pinto.

TARANTO-PAGANESE rinviata al 19 aprile

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi