Il Foggia spreca ma la Casertana aspetta. Addio Legrottaglie

di

Pubblicato il 17 gennaio 2016 in Punto C

Diciottesimo turno del Girone C della Lega Pro. Fuga fallita per la capolista Casertana che contro il Catanzaro si fa beffare nei minuti di recupero. Si ferma il Foggia, lo Zaccheria non diventa un fattore contro la Paganese che spreca un doppio vantaggio. Idem per il Lecce che impatta ad Andria. Vola il Benevento che rifila cinque gol al Messina sul proprio campo. Non si gioca Martina Franca-Cosenza, Tursi innevato e gara rinviata. Dimissioni per Nicola Legrottaglie, l’ormai ex tecnico dell’Akragas paga la serie di sconfitte interne.

RISULTATI E MARCATORI

12388219_10208191209647512_747492530_n

AKRAGAS 1 MATERA 4: 31′ Infantino, 34′ Di Lorenzo, 39′ Rolando, 48′ Di Grazia (A), 79′ Letizia – Costa carissima l’ennesima sconfitta interna a Nicola Legrottaglie. Dimissioni irrevocabili subito accettate, e per l’ex giocatore di Juventus e Milan l’avventura sulla panchina siciliana è finita. Domina la squadra di Padalino brava ad approfittare di un Akragas inesistente. Apre Infantino che ribadisce in rete dopo una traversa di Letizia. Spettacolare il raddoppio di Di Lorenzo che salta tutto l’Akragas prima di battere Maurantonio per la seconda volta. Tris di Rolando e intervallo. Il neo acquisto Di Grazia accorcia ma senza continuità, Letizia mette il sigillo nel finale.

LUPA CASTELLI 2 ISCHIA 2: 10′ 42′ Kanoute (I), 14′ Petta, 90′ rig. Morbidelli – Non basta una grande prova di Kanoute alla squadra di Porta per espugnare il campo della Lupa Castelli. Prima è Petta da azione da calcio d’angolo a pareggiare il gran gol dell’attaccante campano capace di saltare mezza squadra avversaria. Nella ripresa l’Ischia controlla bene ma la beffa arriva nel finale. Fallo di mano e calcio di rigore, Morbidelli è freddo ed il pari non serve a nessuno.

IMG_2107

JUVE STABIA 1 MELFI 1: 8′ Arcidiacono, 31′ Herrera (M) – Parte fortissimo la Juve Stabia che passa immediatamente con una bellissima azione avvolgente, Contessa pesca lungo Arcidiacono che batte Santurro con un gran destro al volo. Il gol addormenta i campani ed il Melfi comincia a fare la partita. Il pari arriva grazie ad una combinazione tra Masini ed Herrera. Nella ripresa le squadre finiscono per accontentarsi, nel recupero espulsi prima Di Nunzio per il Melfi poi Cancellotti per i padroni di casa.

MESSINA 0 BENEVENTO 5: 6′ 56′ Ciciretti, 20′ Cissè, 48′ Del Pinto, 66′ Marotta – Un sinistro di Ciciretti aiutato da un Berardi imperfetto apre il massacro del Benevento in casa del Messina. L’ex colpisce ancora nel secondo tempo, in mezzo ci sono i gol di Cissè e Del Pinto. Chiude Marotta con un tacco al volo su assist dello stesso Ciciretti.

Iemmello9

FOGGIA 2 PAGANESE 2: 26′ aut. Gigliotti (P), 37′ Caccavallo (P), 58′ Iemmello, 61′ Chiricò – Classico partita sprecata dal Foggia di De Zerbi. Bel gioco e predominio non bastano quando in difesa si vive di troppe pause. Dopo un inizio gara di marca foggiana è la Paganese a passare. Errore in uscita e Caccavallo si invola verso Narciso, pallone in mezzo con Gigliotti che devia sfortunatamente nella propria porta. Azione fotocopia per il raddoppio, con Caccavallo che stavolta si mette in proprio. Un minuto prima, però, era stato il Foggia ad avere l’occasione per il pari. Fallo di Sirignano su Gigliotti e rigore. Sarno dal dischetto colpisce il palo. Nella ripresa la reazione, prima Iemmello accorcia, poi Chiricò trova il pari finalizzando un’azione spettacolare fatta di tecnica e sincronismi. La rimonta si interrompe senza il gol della vittoria, ancora un passo falso per i pugliesi.

CATANIA 0 MONOPOLI 0 – Un calcio di rigore sbagliato dal brasiliano Calil è l’occasione più ghiotta per il Catania di Pancaro, bravissimo il portieri pugliese Pisseri a parare il suo terzo rigore stagionale. Per il resto gli etnei non incantano e si fanno fermare da un Monopoli arrivato in Sicilia col chiaro intento di non tornare in Puglia a mani vuote.

FIDELIS ANDRIA 0 LECCE 0 – Il terreno pesante influenza l’andamento del derby pugliesi. Succede davvero pochissimo, con le due squadre che faticano a costruire e creare pericoli. Vicino al gol l’Andria con Cianci, il suo colpo di testa si stampa sulla traversa. Per il resto nulla da segnalare.

CASERTANA 2 CATANZARO 2: 21′ Mancuso (Cz), 69′ De Angelis, 72′ Jefferson, 90′ Razzitti (Cz) – Pessimo primo tempo per la capolista di Romaniello. Pochissimi i pericoli creati anche dopo lo svantaggio firmato Caruso, bravo l’esterno di Erra a finalizzare una grande discesa di Squillace sulla sinistra. Nella ripresa la reazione, il muro del Catanzaro crolla sotto l’uno-due terribile firmato da De Angelis e il neo acquisto Jefferson. Proprio al novantesimo arriva la beffa, azione da calcio d’angolo e Razzitti trova il pari che abbatte il morale della Casertana che gustava già una piccola fuga.

Schermata 2016-01-17 alle 17.50.13

MARTINA-FRANCA COSENZA: rinviata per neve

CLASSIFICA

Casertana 35

Foggia 33

Benevento 32 (-1)

Lecce 31

* Cosenza 30

Matera 28 (-2)

Messina 25

Fidelis Andria 24

Catanzaro 23

Juve Stabia 22

Monopoli 20

Paganese 19 (-1)

Catania 19 (-10)

Melfi 18

Akragas 16

Ischia 15 (-4)

* Martina Franca 11 (-1)

Lupa Castelli Romani 7 (-1)

* una partita in meno

lecce_calcio_braglia_lega_pro

PROSSIMO TURNO

Melfi-Casertana (sabato ore 15)

Monopoli-Akragas (sabato ore 17.30)

Cosenza-Catania (sabato ore 20.30)

Ischia-Messina (domenica ore 14)

Catanzaro-Foggia (domenica ore 15)

Paganese-Martina Franca (domenica ore 15)

Benevento-Lupa Castelli Romani (domenica ore 17.30)

Lecce-Juve Stabia (domenica ore 17.30)

Matera-Fidelis Andria (lunedì ore 20)

CLASSIFICA MARCATORI

Iemmello (Foggia) 11

Calil (Catania) 9

De Angelis (Casertana) 8

Caccavallo (Paganese) 7

Razzitti (Catanzaro) 7

Baclet (Martina Franca) 6

Gambino (Monopoli) 6

Croce (Monopoli) 6

Sarno (Foggia) 6

Herrera (Melfi) 6

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi