Juve Stabia, schiantato il Catania. Vola il Francavilla, respira la Reggina

Juve Stabia, schiantato il Catania. Vola il Francavilla, respira la Reggina

di

Pubblicato il 22 dicembre 2016 in Punto C

Ventesimo turno e primo del girone di ritorno del gruppo C della Lega Pro: super Izzillo per la Juve Stabia che rifila un netto poker ad un Catania mai in partita. Stop per Lecce e Foggia, bloccate dalle grandi prestazioni di Monopoli e Fidelis Andria. Vince e vola solitario in testa il Matera di mister Auteri. Prosegue l’ascesa della Virtus Francavilla che scavalca il Cosenza, rossoblù fermati dal Catanzaro al Marulla nel derby di Calabria. Proprio una calabrese può sorridere: è la Reggina di Zeman che batte il Fondi e lascia l’ultimo posto alla Vibonese, battuta in casa dall’Akragas. Bene il Siracusa contro un pessimo Messina, la Casertana piega il Melfi.

COSENZA – CATANZARO 1-1

Statella (Co) al 18′ s.t.

Basrak (Ca) al 23′ s.t.

cosenza-catanzaro

Rimonta che vale più del punto conquistato: il Catanzaro che impatta al Marulla dimostra di essere vivo e rimane in piena lotta salvezza. Dopo un primo tempo avaro di emozioni succede tutto in cinque minuti: prima Statella risolve una mischia dopo un calcio d’angolo, poi Basrak impatta con un bel contropiede servito da Icardi.

REGGINA – FONDI 2-1

Coralli (R) al 41′ p.t.

Iadaresta (F) al 18′ s.t.

Bianchimano (R) al 34′ s.t.

reggina-fondi

Vittoria pesantissima degli amaranto che scacciano l’ombra dell’ultimo posto e trovano la giusta euforia per il derby dello Stretto in arrivo. Apre Coralli dopo una bella azione corale, giusto premio per un primo tempo dominato dalla squadra di Zeman. Nella ripresa la beffa porta il nome di Iadaresta: cross di Galasso, pasticcio firmato Gianola-Sala e il numero 9 laziale impatta. Reazione in arrivo, Cane lavora bene per Bianchimano che non sbaglia e fa respirare i suoi.

SIRACUSA – MESSINA 2-0

Catania al 27′ e al 36′ p.t.

Vittoria facile per gli uomini di Sottil: due azioni in fotocopia decidono la sfida, prima Cassini e poi Valente assistono Catania che di testa distrugge i giallorossi di Lucarelli. (Tsunami Siracusa, Messina non pervenuto).

VIBONESE – AKRAGAS 0-1

Cochis al 7′ p.t.

vibonese-akragas

La solita Vibonese che tanto fa e nulla stringe. La squadra di Costantino ci prova tanto ma non punge mai, al primo errore Cochis la punisce e regala alla squadra di Lello Di Napoli una vittoria pesantissima. Calabresi all’ultimo posto in classifica, il futuro dovrà migliorare una rosa che non ha mai convinto.

VIRTUS FRANCAVILLA – PAGANESE 2-0

Abate al 10′ s.t.

Pastore al 48′ s.t.

francavilla-paganese

Non si arresta la marcia della squadra di Calabro, ancora una vittoria che lancia i pugliesi al quinto posto in classifica. Paganese che ci prova nel primo tempo senza fortuna, nella ripresa i padroni di casa accelerano e trovano la vittoria. Abate approfitta di una dormita difensiva, l’espulsione di Alcibiade fa il resto. In pieno recupero Pastore la chiude in contropiede.

FIDELIS ANDRIA – FOGGIA 1-1

Agnelli (Fo) al 36′ p.t.

Tartaglia (FA) al 37′ s.t.

fidelis-foggia

Non passa al Degli Ulivi il Foggia di Stroppa, dopo aver bloccato il Lecce la Fidelis fa la stessa cosa con i rossoneri. Il vantaggio di Agnelli arriva solo grazie ad una papera clamorosa di Poluzzi: il portiere di Favarin svirgola il rinvio, Agnelli raccoglie e deposita in rete. Ripresa con l’Andria che spinge e il Foggia che gestisce, l’espulsione di Empereur complica i piani, il colpo di testa di Tartaglia impatta.

LECCE – MONOPOLI 3-3

Tsonev (L) al 30′ p.t.

Montini (M) al 38′ e al 43′ p.t.

Mancosu (L) al 2′ s.t.

Caturano (L) al 10′ s.t.

Gatto (M) al 36′ s.t.

lecce-monopoli

Scoppiettante derby pugliese e Monopoli che regala una prova maiuscola sul campo del forte Lecce: apre Tsonev che trova un destro deviato, Montini non ci sta e porta avanti i suoi con una doppietta da bomber di razza. Nella ripresa l’azione personale di Mancosu equilibra la sfida, la testata di Caturano riporta avanti i salentini. Forcing bianco verde: Montini pesca Gatto, colpo di testa e pareggio finale.

CASERTANA – MELFI 2-1

Rajcic (C) al 39′ p.t.

Corado (C) al 22′ s.t.

De Vena (M) al 45′ s.t.

casertana-melfi

Torna alla vittoria la Casertana di Tedesco, steso un Melfi che si sveglia troppo tardi con De Vena. Decidono Rajcic, bello il suo destro al volo, e Corado che in tuffo chiude una buona discesa di Ramos. Nel finale accorcia il Melfi, nel recupero Casertana in dieci per il rosso a Finizio ma non c’è più tempo per i lucani.

JUVE STABIA – CATANIA 4-0

Izzillo al 7′ e al 29′ p.t.

Ripa su calcio di rigore al 39′ p.t.

Lisi al 13′ s.t.

juve-stabia-catania

Basta un tempo alla squadra di Fontana per indirizzare un match sulla carta complicato: ci pensa un super Izzillo a battere Pisseri due volte con due bellissime conclusioni dalla distanza. Il tris è firmato da Ripa che trasforma un penalty concesso per un fallo di Drausio sullo stesso attaccante campano. Nella ripresa Lisi sigla il poker, il Catania rimane in nove per i rossi a Drausio e Nava, pessima prestazione degli uomini di Rigoli.

MATERA – TARANTO 2-0

Casoli al 45′ p.t.

Casoli al 5′ s.t.

matera-taranto

Nessuno scampo per il Taranto contro un Matera senza pietà: primo tempo di marca lucana con Negro e Strambelli sugli scudi, solo Maurantonio e la traversa evitano il vantaggio. La sblocca Casoli quando sul cronometro sono rimasti una manciata di secondi giocabili. Nella ripresa ancora Casoli raddoppia, l’assolo continua e ancora la traversa ferma il Matera. Tre punti che vogliono dire primo posto solitario per mister Auteri, ormai un’abitudine per il tecnico siciliano.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi