Il Matera rallenta, Lecce e Juve Stabia aggancio in vetta. Catania, che spreco

di

Pubblicato il 29 dicembre 2016 in Punto C

Ultima del 2016 per il Girone C della Lega Pro: nel ventunesimo turno del gruppo meridionale stop per la capolista Matera che impatta sul campo della Paganese, vittoria per le inseguitrici Lecce e Juve Stabia che agganciano i lucani in vetta, in scia il Foggia che piazza il tris contro il Siracusa. Pari senza reti a Catanzaro per la Virtus Francavilla, identico risultato per il Catania al Massimino contro la Fidelis Andria. Il Messina si vendica del derby perso all’andata, Reggina regolata per 2-0. Non tradisce il Fondi in casa con la Vibonese, pesantissima vittoria esterna della Casertana sul campo del Monopoli.

AKRAGAS – LECCE 0-2

Caturano al 13′ s.t.

Pacilli al 22′ s.t.

akragas-lecce

Il rigore sbagliato di Palmiero è il momento spartiacque della gara: dopo il vantaggio salentino firmato Caturano, bravo a risolvere una mischia, la squadra di Lello Di Napoli ha la più grande delle occasioni. Cosenza stende Longo, rigore ed espulsione. Palmiero calcia altissimo e la beffa arriva poco dopo con Pacilli, assist di Caturano e raddoppio troppo semplice per l’attaccante di Padalino.

CATANZARO – VIRTUS FRANCAVILLA 0-0

catanzaro-francavilla

Il palo colpito da Cunzi nel primo tempo è la recriminazione più grande in un pareggio, sostanzialmente, giusto. Quinto risultato utile per i calabresi che riprendono fiato dopo mesi di apnea, punto importante per i pugliesi che chiudono il 2016 da grande protagonista. Nel finale espulso Prezioso nel Francavilla, terzo rosso stagionale per il centrocampista di Calabro.

FONDI – VIBONESE 1-0

Varone al 6′ s.t.

fondi-vibonese

Vittoria risicata in una gara nervosa quella del Fondi di Pochesci. Altro tonfo per la Vibonese che non riesce mai a concretizzare, è dei calabresi infatti la grande chance del primo tempo: cross di Cogliati, buco di Scapellato e tiraccio di Yabré. Finisce qui la produzione degli uomini di Costantino, nella ripresa la beffa: Varone raccoglie un cross di Calderini, controlla e batte Russo per una vittoria che rafforza la zona playoff. Nel finale espulso Saraniti per doppia ammonizione.

MELFI – JUVE STABIA 1-2

Lisi (J) al 6′ p.t.

Rosafio (J) al 2′ s.t.

Obeng (M) al 37′ s.t.

melfi-juve-stabia

Il primo tempo delle beffe per il Melfi: vantaggio campano con Lisi che sorprende in contropiede la linea difensiva lucana, poi è assolo della squadra di Bitetto che sbatte su uno strepitoso Russo con De Vena e Defendi. Nella ripresa il raddoppio che chiude la sfida, appena entrato Rosafio trova un sinistro imparabile per Gragnaniello. Arriva tardi la rete di Obeng, vittoria importante in chiave promozione per la Juve Stabia.

MESSINA – REGGINA 2-0

Bruno al 29′ s.t.

Milinkovic al 38′ s.t.

Primo tempo con i giallorossi vicini al gol con Pozzebon e Madonia. Nella ripresa Bangu spreca per la Reggina, poi è solo Messina:  Bruno risolve una mischia dopo un colpo di testa di Maccarrone, in contropiede è letale Milinkovic che raddoppia sotto la neve e fa gioire il tifo giallorosso. (Il regalo di Natale: il Messina trionfa nel derby).

MONOPOLI – CASERTANA 2-3

Giannone (C) al 14′ p.t.

Pinto (M) al 43′ p.t.

aut. Balestrero (M) al 43′ s.t.

Corado (C) al 48′ s.t.

Mavretic (M) al 51′ s.t.

monopoli-casertana

Mille emozioni al Veneziani, alla fine è la Casertana a trovare una vittoria pesantissima. Primo tempo che si apre col vantaggio firmato Giannone su assist di Carlini, prima della fine del tempo i pugliesi impattano con la bella punizione di Pinto. Ripresa che si gioca con buona intensità, ma è il finale a regalare le emozioni: prima Balestrero sigla una sfortunata autorete svirgolando un rinvio su azione di corner, Casertana avanti e tris che arriva nel recupero con Corado in contropiede. Doppio vantaggio per i campani, ma c’è ancora da soffrire. Mavretic trova il raddoppio per il Monopoli al sesto di recupero, troppo tardi e Casertana che può festeggiare un fine anno scoppiettante.

FOGGIA – SIRACUSA 3-0

Coletti al 30′ p.t.

Agnelli al 34′ p.t.

Mazzeo al 6′ s.t.

foggia-siracusa

Il Foggia che i tifosi vorrebbero vedere sempre ed il classico Siracusa formato trasferta. Basterebbe questo per raccontare il successo dei rossoneri allo Zaccheria: gara aperta e chiusa in pochi attimi, prima la punizione di Coletti poi il tap-in di Agnelli dopo il palo colpito da Mazzeo. Lo stesso attaccante fa tris ad inizio ripresa su assist di Riverola, vittoria convincente degli uomini di Stroppa.

PAGANESE – MATERA 1-1

Ingrosso (M) al 38′ p.t.

Herrera (P) al 18′ s.t.

paganese-matera

La papera di Alastra condanna la squadra di Auteri ad un pari alla fine giusto. Vantaggio nella prima frazione firmato Ingrosso, bella l’acrobazia su assist di Iannini che apre la sfida. Paganese che non demerita ma è sotto, il Matera prova a controllare ma viene tradito dal suo portiere. L’ex Palermo è prima bravissimo ad evitare il pari su Herrera, poi prova a bloccare un forte tiro-cross dello stesso attaccante avversario e la frittata è servita.

CATANIA – FIDELIS ANDRIA 0-0

catania-fidelis

Occasione sprecata per il Catania di Pino Rigoli che non trova l’ottava vittoria casalinga consecutiva. Il grande protagonista della sfida è il portiere pugliese Poluzzi, la sua parata sul rigore di Mazzarani vale un pari esterno pesantissimo. Primo tempo con Russotto e Mbodj che ci provano senza successo. Nella ripresa il penalty fallito fa mangiare le mani, Andria anche in dieci poco dopo per il rosso a Piccinni. Fallo in chiara occasione da gol ancora su Mazzarani, il Catania però non ne approfitta e spreca con Djordjevic e Piermarteri.

TARANTO – COSENZA 0-3

Statella su calcio di rigore al 21′ p.t.

Gambino al 34′ p.t.

Baclet al 25′ s.t.

taranto-cosenza

Basta poco meno di un tempo al Cosenza per avere la meglio sul Taranto di Prosperi. Match deciso dal rigore che sblocca la sfida: fallo di mano sulla linea di porta di Pambianchi, penalty e rosso che fanno sprofondare i pugliesi. Statella non sbaglia e sigla in sesto gol consecutivo, poco dopo la mezz’ora Gambino risolve una mischia con un destro al volo e per il Cosenza la strada verso la vittoria è in discesa. Nella ripresa servono due minuti a Baclet per realizzare lo 0-3: appena entrato al posto di Gambino trova un gran colpo di testa su cross di D’Anna che chiude i conti. Esordio con tre punti per De Angelis sulla panchina calabrese, vedremo se il suo interim diverrà qualcosa di più concreto.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi