Messina-Gela, Venuto: “Ingenuità fatale”

Pubblicato il 24 settembre 2017 in Sala Stampa

C’è rammarico nelle parole di Antonio Venuto. Il pareggio che il Gela strappa in pieno recupero abbatte il morale di un Messina in lenta crescita: “Momento difficile, ancora non gira dalla nostra parte. Abbiamo fatto buone prestazioni fin qui, dobbiamo lavorare ancora per crescere fisicamente. La squadra sta prendendo, finalmente, forma. Resta l’amaro in bocca per non aver chiuso la sfida, il rigore nel finale è un’ingenuità che paghiamo a carissimo prezzo. Un rigore regalato che rispecchia il momento non positivo che stiamo vivendo”. Non vuole abbattersi mister Venuto, il pareggio contro il Gela muove la classifica e lancia alcuni segnali positivi: “Dobbiamo migliorare dal punto di vista del gioco, la squadra è competitiva per questo campionato anche grazie al lavoro di Ferrigno che adesso proverà a colmare le ultime mancanze. Al livello strutturale manca ancora un centravanti, sono però molto soddisfatto delle prestazioni di Migliorini, che ci ha dato ottimi tempi in regia, e di Bruno che non ha davvero sbagliato nulla. Peccato per quel cartellino rosso che gli farà saltare la trasferta contro la Gelbison. A livello di over non siamo inferiori ai nostri avversari”. Settimana tribolata quella che ha portato alla gara contro il Gela, le parole post Cittanovese avevano aperto una breccia nel rapporto tra Venuto e la società: “Mi spiace quanto successo dopo le mie dichiarazioni dopo l’ultima sconfitta. Volevo far capire a tutti che per il Messina farei qualsiasi sacrificio, anche personale. Questa sarà una settimana diversa, la nostra attenzione è rivolta solo al lavoro per conquistare la prima vittoria stagionale”.

CAPITANO – Tocca a Totò Cocuzza rappresentare i compagni in sala stampa. Il suo penalty non è bastato per stendere il Gela, la gioia della rete non accontenta il capitano giallorosso: “Siamo dispiaciuti perché abbiamo dimostrato di essere a livello di avversari che puntano alla promozione. Dobbiamo rialzare subito la testa, inutile piangersi addosso, abbiamo l’obbligo di reagire. I fischi finali non li discuto, il Messina in questa categoria non può permettersi passaggi a vuoto. Come gruppo dobbiamo prendere le cose positive di oggi e ripartire. Personalmente non discuto le scelte, sono a disposizione del mister con la consapevolezza che in una squadra come il Messina la concorrenza è sempre importante”.

 

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi