Messina e Monopoli, salvezza diretta. Playoff: Catania e Casertana beffano l’Andria

di

Pubblicato il 7 maggio 2017 in Punto C

Ultimo turno della stagione regolare del Girone C della Lega Pro: salvezza diretta per Monopoli e Messina che impattano senza reti con Akragas e Vibonese condannando gli avversari ai playout. Niente playoff per la Fidelis Andria che non trova la vittoria sul campo del Lecce, si qualificano Fondi, Casertana e Catania. Questi gli abbinamenti per gli spareggi promozione e salvezza:

PLAYOFF (primo turno in gara secca)

JUVE STABIA – CATANIA

VIRTUS FRANCAVILLA – FONDI

SIRACUSA – CASERTANA

COSENZA – PAGANESE

PLAYOUT (andata e ritorno)

MELFI – AKRAGAS

CATANZARO – VIBONESE

CASERTANA – CATANIA 0-0

CASERTANA (4-3-3) Ginestra; Finizio, Magnino, Rainone, D’Alterio; De Marco, Giorno (dal 40′ s.t. Moretta), Carriero; Ciotola, Cisotti (dal 23′ s.t. Taurino), Orlando (dal 34′ s.t. Corado). All. Esposito-Tudisco

CATANIA (4-3-3) Pisseri; De Rossi, Drausio, Marchese, Djordjevic; Bucolo, Scoppa, Mazzarani; Di Grazia (dal 8′ s.t. Russotto), Pozzebon (dal 22′ s.t. Baldanzeddu), Manneh (dal 39′ s.t. Barisic). All. Pulvirenti

PLAYOFF – Il pari della Fidelis Andria spalanca le porte dei playoff ad entrambe le squadre. Un pareggio che accontenta tutti, soprattutto un Catania che ha dovuto rincorrere l’obiettivo in una travagliata stagione. Casertana che affronterà il Siracusa, impegno sul campo della Juve Stabia per il Catania.

COSENZA – FOGGIA 2-2

Letizia (C) al 32′ p.t.

Corsi (C) al 9′ s.t.

Mazzeo (F) al 21′ s.t. e al 49′ s.t.

COSENZA (4-2-3-1) Saracco; Corsi, Blondett, Pinna, D’Orazio; Calamai, Ranieri; Criaco (dal 33′ s.t. Statella), Letizia (dal 15′ s.t. Mungo), Cavallaro (dal 44′ s.t. Meroni); Mendicino. All. De Angelis

FOGGIA (4-3-3) Sanchez; Angelo, Martinelli, Figliomeni, Loiacono; Sicurella (dal 11′ s.t. Di Piazza), Agazzi, Gerbo (dal 27′ s.t. Faber); Sarno, Mazzeo, Sainz-Maza (dal 33′ s.t. Pompilio). All. Stroppa

RIMONTA – Non vuol chiudere perdendo il Foggia di Stroppa che al San Vito-Marulla rimonta un buon Cosenza. Apre le danze Letizia, bravo l’ex di turno a chiudere una bella azione corale. Un siluro di Corsi ad inizio ripresa fa allungare i calabresi, poi entra in scena Mazzeo: tiro dal limite e colpo di testa. Cosenza ripreso e settimo in classifica, ai playoff sfida con la Paganese.

FONDI – CATANZARO 2-1

Tiscione (F) al 34′ p.t. e al 3′ s.t.

Cunzi (C) al 25′ s.t.

FONDI (4-2-3-1) Baiocco; Galasso, Signorini, Marino, Squillace; Varone, De Martino; Giannone (dal 18′ s.t. Mucciante), Tiscione, Calderini (dal 38′ s.t. Battistoni); Albadoro (dal 26′ s.t. Gambino). All. Pochesci

CATANZARO (4-4-2) De Lucia; Pasqualoni (dal 1′ s.t. Cunzi), Prestia, Sirri, Imperiale (dal 5′ s.t. Basrak); Esposito, Icardi (dal 25′ s.t. Van Ransbeeck), Maita, Zanini; Gomez, Giovinco. All. Erra

CROLLO – Non c’è scampo per il Catanzaro sul campo di un Fondi che non voleva fallire l’obiettivo playoff. Un super Tiscione trascina i laziali verso la vittoria, due reti che valgono la certezza degli spareggi promozione contro la Virtus Francavilla, condannati ai playout i calabresi che sfideranno la Vibonese con lo svantaggio della posizione in griglia.

JUVE STABIA – TARANTO 1-0

Rosafio al 47′ s.t.

JUVE STABIA (4-2-3-1) Bacci; Cancellotti, Camigliano, Allievi (dal 21′ p.t. Morero), Giron; Izzillo, Salvi; Kanoute, Cutolo (dal 25′ s.t. Rosafio), Lisi (dal 13′ s.t. Capodaglio); Paponi. All. Carboni

TARANTO (4-3-3) De Toni; Boccadamo, Magri, Nigro, Pambianchi; Maiorano, Guadalupi, Paolucci; Emmausso (dal 41′ s.t. Lo Sicco), Balistreri (dal 32′ s.t. Magnaghi), Potenza. All. Ciullo

ARCHIVIATA – Finisce con l’ennesima amarezza la stagione del Taranto. Pugliesi sconfitti anche sul campo di una Juve Stabia con la testa già ai prossimi playoff dove incontreranno il Catania. Decide una rete nel recupero di Rosafio, bravo l’attaccante ad inzuccare un bel cross di Kanoute.

LECCE – FIDELIS ANDRIA 1-1

Mancosu (L) al 31′ p.t.

Tartaglia (F) al 21′ s.t.

LECCE (4-3-3) Perucchini; Ciancio, Cosenza, Giosa, Lepore; Ferreira, Arrigoni, Mancosu (dal 21′ s.t. Maimone); Pacilli (dal 27′ s.t. Doumbia), Caturano, Torromino (dal 42′ s.t. Vitofrancesco). All. Rizzo

FIDELIS ANDRIA (3-4-3) Cilli; Aya, Allegrini, Colella (dal 36′ s.t. Minicucci); Tartaglia, Onescu, Piccinni, Curcio; Cruz, Cianci, Croce. All. Favarin

FUORI – Non basta il pari alla Fidelis Andria per ottenere un posto nei prossimi playoff. Non regala nulla il Lecce che prova in tutti i modi a far suoi i tre punti in palio. Apre Mancosu con un bel destro dopo un’iniziativa individuale, la reazione dell’Andria arriva nella ripresa con la zuccata di Tartaglia. Quando Cianci si fa cacciare per uno sgambetto a Perucchini le speranze di vittoria della squadra di Favarin si spengono.

MELFI – MATERA 0-3

Ingrosso al 6′ p.t.

Negro su calcio di rigore al 4′ s.t.

Armellino al 29′ s.t.

MELFI (3-4-3) Viola; Bruno, Laezza, De Giosa (dal 12′ p.t. Romeo); Demontis (dal 17′ s.t. Ferraro), Vicente, Esposito, Lodesani; Mangiacasale, De Angelis (dal 32′ s.t. Foggia), De Vena. All. Diana

MATERA (3-4-3) Tozzo; Mattera, De Franco, Ingrosso; Casoli (dal 30′ s.t. Lanini), Armellino, Iannini, Armeno; Dammacco (dal 12′ s.t. Sartore), Negro (dal 18′ s.t. Salandria), Carretta. All. Auteri

ESPULSIONE – Il rosso nel finale a capitan Iannini è il vero problema del Matera. Espulsione che costerà carissima ai lucani in vista dei prossimi playoff. Questo il contenuto più gustoso di un derby che vede la squadra di Auteri passare facilmente con la rete di testa di Ingrosso, il rigore di Negro e il tris firmato Armellino. Rosso anche per il Melfi che per il playout con l’Akragas perderà Lodesani.

MONOPOLI – AKRAGAS 0-0

MONOPOLI (4-3-3) Furlan; Carissoni (dal 28′ s.t. Balestrero), Esposito, Bacchetti, Mercadante; Ricucci, Nicolini, Sounas; Genchi (dal 15′ s.t. Bei), Montini (dal 44′ s.t. Gatto), Pinto. All. Zanin

AKRAGAS (3-4-1-2) Pane; Mileto (dal 26′ s.t. Russo), Riggio, Thiago Cazé; Coppola, Bramati (dal 43′ s.t. Petrucci), Longo, Sepe; Leveque; Cocuzza, Salvemini. All. Di Napoli

SALVEZZA – Primo tempo di follia per il Monopoli: prima Genchi spara sulla traversa un rigore fischiato per fallo di Riggio su Ricucci, poi lo stesso Ricucci si fa espellere per una brutta entrata su Sepe. Pugliesi che si arroccano in difesa del pari utile per ottenere la salvezza, l’Akragas non passa pur impegnando tantissimo Furlan. Sarà la doppia sfida contro il Melfi a decidere il futuro dei siciliani.

REGGINA – PAGANESE 4-3

Bianchimano (R) al 11′ p.t.

Coralli (R) al 12′ p.t.

Caruso (P) al 30′ p.t. e al 31′ p.t.

Zerbo (P) al 25′ s.t.

Maesano (R) al 29′ s.t.

Tripicchio (R) al 41′ s.t.

REGGINA (3-5-2) Licastro; Cucinotti, Gianola, Kosnic; Cane, Bangu, Botta (dal 18′ p.t. Mazzone), De Francesco (dal 31′ s.t. Porcino), Maesano; Coralli (dal 23′ s.t. Tripicchio), Bianchimano. All. Zeman

PAGANESE (4-3-3) Gomis; Picone, Mansi, Carillo, Alcibiade; Tagliavacche, Mauri, Parlati; Zerbo, Reginaldo, Caruso (dal 17′ s.t. Maiorano). All. Grassadonia

FESTIVAL – Un vero e proprio susseguirsi di emozioni al Granillo dove Reggina e Paganese si scontrano senza obblighi di classifica. Amaranto che partono fortissimo con l’uno-due firmato da Bianchimano e Coralli, la reazione campana è firmata da Caruso che in due minuti impatta. Nella ripresa Zerbo è bravo a portare avanti la squadra di Grassadonia, ci pensano Maesano e una papera di Gomis che favorisce Tripicchio a regalare la vittoria ai calabresi.

SIRACUSA – VIRTUS FRANCAVILLA 0-1

Galdean al 34′ p.t.

SIRACUSA (4-2-3-1) Gagliardini; Diakité, Turati, Cossentino, Sciannamé (dal 33′ s.t. Dezai); Spinelli, Giordano; Azzi (dal 12′ s.t. Valente), Longoni (dal 13′ s.t. Catania), De Silvestro; Scardina. All. Sottil

V. FRANCAVILLA (3-5-2) Albertazzi; De Toma, Biason, Abruzzese; Triarico (dal 32′ p.t. Albertini), Prezioso, Galdean, Alessandro (dal 44′ s.t. Pastore), Turi; Nzola, Abate (dal 45′ s.t. Finazzi). All. Calabro

SORPASSO – Un bel destro di Galdean regala una vittoria esterna pesantissima alla Virtus Francavilla. Sorpasso in classifica dei pugliesi sul Siracusa e sfida prossima contro il Fondi ai playoff. Per i siciliani beffardo il rigore sbagliato da Catania nella ripresa, agli spareggi sfida con il Casertana.

VIBONESE – MESSINA 0-0

(Vibonese-Messina, fine dei giochi: è festa salvezza)

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi