Paganese capolista a sorpresa. Il Foggia non vince mai

di

Pubblicato il 20 settembre 2015 in Punto C

Giornata di esordi nel Girone C della Lega Pro. Inizia il campionato di Messina, Monopoli e Catania; fin qui rimaste in attesa dopo la lunga estate tra tribunali e questure. Ci sono due nuove regine in testa alla classifica: Paganese e Casertana. Cade la Fidelis Andria. Ancora a secco di vittorie la “Ferrari” di De Zerbi.

SICILIA IN CAMPO – Destini opposti in estate che si uniscono nella data dell’esordio per Messina e Catania. Proprio la sfida tra Monopoli e Messina ha dato vita ad emozioni nel finale di gara, con i pugliesi in vantaggio con meno di 10’ da giocare sul cronometro. Un gol dell’ex Croce ha illuso la squadra di Tangorra. Un’altra testata ha pareggiato l’incontro, con Diogo Tavares in rete nei minuti di recupero. Il Catania, che partiva da -9 in classifica, comincia la sua scalata verso il ritorno alla Serie B. A Matera la squadra di Pancaro è cinica e trova il bottino pieno grazie ad una rete di Scarsella. Vittoria meritata per gli etnei e penalizzazione che diventa sempre meno pesante. Ultima siciliana in campo è l’Akragas di Nicola Legrottaglie. A Cosenza finisce senza reti, pareggio pesante per gli agrigentini che trovano il primo punto del loro campionato.

PROBLEMI IN PARADISO – Doveva essere la squadra più divertente del torneo, sicuramente una delle favorite alla vittoria finale. Fin qui, invece, il Foggia di De Zerbi rappresenta la delusione maggiore di questa inizio di stagione. Seconda sconfitta stagionale per i pugliesi. Questa volta è il Benevento a far piangere il Foggia, con un gol dopo pochi secondi dal calcio d’inizio del centrale difensivo Lucioni, che regala ad Auteri la prima gioia stagionale. Cade un’altra pugliese, l’ex capolista Fidelis Andria cede alla Paganese di Gianluca Grassadonia. Una doppietta di Caccavallo manda gli azzurrostellati in testa al Girone C. Sempre da un incrocio Puglia – Campania viene fuori la seconda capolista del momento. Un pari per 1 a 1 al “Via del Mare” di Lecce tra padroni di casa e Casertana garantisce ai campani il primo posto. Rimonta leccese con un gol di Surraco a venti dalla fine dopo l’autorete di Freddi nel primo tempo.

PUNTEGGIO PIENO – Una partita in meno ma solo vittorie per l’Ischia di Leonardo Bitetto, vera rivelazione di questo scorcio di stagione. Annientato il Martina Franca con un gol per tempo, apre Kanoute poco prima della mezz’ora. Nella ripresa la chiude l’ex Casertana, Nicola Mancino. Ischia che dovrà recuperare la sfida contro il Messina, ma che per adesso sogna il primato. Finisce in parità, invece, la sfida salvezza tra Melfi e Lupa Castelli Romani. Lucani in vantaggio con Giacomarro prima dell’intervallo; laziali che non mollano e trovano il pari al 76’ con Petta. Una sola vittoria esterna in questo turno, quella della Juve Stabia al “Ceravolo” di Catanzaro. E’ un gol di Razzitti a portare in vantaggio i calabresi nel recupero del primo tempo. Gli uomini di Ciullo ci credono e meritano la vittoria. Prima pareggia Ripa, poi il forcing campano trova sfogo con la rete da 3 punti di Gomez all’85’.

12037803_885027491534445_299659237_o

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi