Piccole alla riscossa: vittorie luccicanti per Akragas, Melfi e Vibonese

di

Pubblicato il 12 marzo 2017 in Punto C

Ventinovesimo turno del Girone C della Lega Pro: è la zona salvezza a regalare le emozioni più forti di giornata. Vittorie pesanti per Melfi e Vibonese che allargano la lotta per evitare la retrocessione diretta. Risposta importante dell’Akragas che vince a Taranto ed inguaia i pugliesi. Lecce capolista in attesa della gara del Foggia, cadono Juve Stabia (colpaccio della Paganese) e Francavilla, il Matera batte la Reggina e torna terzo solitario. Continua la marcia trionfale del Siracusa, bene il Cosenza.

CASERTANA – MESSINA 0-0

(Messina, mal di trasferta superato: pareggio in 10 a Caserta)

COSENZA – FIDELIS ANDRIA 2-1

Statella (C) al 25′ p.t.

Tedeschi (C) al 27′ p.t.

Tito (F) al 43′ s.t.

COSENZA (4-3-3) Perina; Corsi, Blondett, Tedeschi, D’Anna; Calamai, Caccetta, Mungo; Letizia (dal 16′ s.t. Pinna), Baclet (dal 30′ s.t. Mendicino), Statella. All. De Angelis

FIDELIS ANDRIA (3-5-2) Pop; Aya, Rada, Curcio; Tartaglia, Onescu, Vasco (dal 20′ s.t. Berardino), Mancino, Tito; Croce, Cianci (dal 22′ s.t. Volpicelli). All. Favarin

SORPASSO – Un primo spietato dei calabresi regala la vittoria che vale il sorpasso in classifica: imbarazzante indecisione tra Rada e Pop con Statella che irrompe e apre la contesa. Pochi minuti e Tedeschi risolve una mischia sugli sviluppi di un corner. La Fidelis prova a reagire con il Cosenza che si difende ordinato. Arriva tardi la botta di Tito che accorcia le distanze.

JUVE STABIA – PAGANESE 0-1

Bollino al 10′ s.t.

JUVE STABIA (4-3-3) Russo; Cancellotti, Atanasov, Santacroce, Liviero; Esposito (dal 11′ s.t. Cutolo), Capodaglio, Izzillo; Kanoute (dal 36′ s.t. Rosafio), Paponi, Marotta (dal 22′ s.t. Lisi). All. Fontana

PAGANESE (4-3-3) Liverani; Alcibiade, De Santis, Carillo, Della Corte (dal 29′ s.t. Picone); Tascone (dal 25′ s.t. Parlati), Pestrin, Firenze; Cicerelli, Reginaldo, Bollino (dal 35′ s.t. Longo). All. Grassadonia

COLPACCIO – Uscita sbagliata di Russo e rete facile per Bollino. Basta questo alla Paganese per espugnare il Menti di Castellammare: primo tempo che trova un’unica emozione prima dell’intervallo quando Esposito colpisce la traversa da pochi passi. La ripresa è influenzata dal gol degli ospiti: Della Corte crossa dalla sinistra, Russo buca e Bollino non può sbagliare. La Juve Stabia non reagisce, colpaccio per Grassadonia ed i suoi ragazzi.

LECCE – CATANIA 1-0

Costa Ferreira al 6′ s.t.

LECCE (4-3-3) Perucchini; Ciancio, Cosenza, Giosa, Agostinone; Ferreira, Fiordilino, Tsonev (dal 47′ s.t. Maimone); Pacilli, Caturano (dal 27′ s.t. Marconi), Doumbia (dal 20′ s.t. Lepore). All. Padalino

CATANIA (3-5-2) Pisseri; Drausio, Bergamelli, Marchese; Parisi, Di Grazia (dal 32′ s.t. Scoppa), Bucolo (dal 15′ s.t. Fornito), Biagianti, Djordjevic (dal 32′ s.t. Tavares); Mazzarani, Pozzebon. All. Pulvirenti

TIRO MANCINO – Un super Pisseri ferma il Lecce nel primo tempo, non riescono a battere il numero 12 etneo i tentativi ripetuti di Cosenza e Costa Ferreira. Il Catania ci prova ma è impreciso: fuori di poco le conclusioni di Mazzarani prima e Pozzebon poi. Inizio di ripresa fatale: azione manovrata del Lecce, botta mancina di Costa Ferreira e Pisseri stavolta non può nulla. La reazione del Catania arriva con Mazzarani e Pozzebon ma il pari non arriva, il Lecce spreca più volte il raddoppio ma porta a casa una vittoria che vale il primato in attesa del gara del Foggia di lunedì.

MELFI – CATANZARO 1-0

Vicente al 45′ s.t.

MELFI (4-3-3) Gragnaniello; Bruno, Romeo, Laezza, Lodesani; Esposito, Vicente, Marano (dal 33′ s.t. Demontis); De Vena (dal 14′ s.t. Gammone), Foggia, De Angelis (dal 47′ s.t. De Giosa). All. Diana

CATANZARO (4-4-2) De Lucia; Esposito, Prestia, Sirri, Imperiale; Icardi (dal 43′ s.t. Mancosu), Maita, Van Ransbeeck, Cunzi; Sarao (dal 18′ s.t. Gomez), Giovinco (dal 22′ s.t. Carcione). All. Erra

ULTIMO RESPIRO – Punizione dalla distanza di Vicente, non trattiene De Lucia ed il Melfi trova una vittoria pesantissima proprio al novantesimo. Cade un Catanzaro che aveva pensato solo a difendersi, godono i lucani che trovano continuità dopo l’impresa del Massimino. Melfi che vince con merito, è infatti la squadra di Diana a fare la partita con la rete di Vicente a premiare l’intraprendenza.

SIRACUSA – FONDI 1-0

Scardina al 40′ s.t.

SIRACUSA (4-2-3-1) Santurro; Diakite (dal 32′ s.t. Brumat), Turati, Pirrello, Malerba; Spinelli, Palermo; Azzi, Catania (dal 26′ s.t. Longoni), Valente; Scardina. All. Sottil

FONDI (4-2-3-1) Baiocco; Galasso, Bartolo, Marino, Squillace (dal 43′ s.t. Sernicola); Varone, D’Angelo; Tiscione, Giannone, Addessi; Gambino (dal 31′ s.t. Albadoro). All. Pochesci

TESTATA – La legge del De Simone si abbatte anche sul Fondi: aretusei implacabili tra le mura amiche, basta una zuccata di Scardina a cinque minuti dalla fine per avere la meglio sui laziali. Partita gradevole ma piena di imprecisioni al momento di concludere, quando il pari sembrava scritto arriva il cross di Longoni e la testata da tre punti di Filippo Scardina.

TARANTO – AKRAGAS 0-2

Cocuzza su calcio di rigore al 17′ p.t.

Coppola al 14′ s.t.

TARANTO (4-3-3) Maurantonio; De Giorgi, Altobello (dal 19′ p.t. Pambianchi e dal 32′ p.t. Magri), Stendardo, Som; Nigro, Pirrone (dal 16′ s.t. Cobelli), Maiorano; Viola, Magnaghi, Potenza. All. Ciullo

AKRAGAS (3-5-2) Addario; Mileto, Thiago Cazé, Riggio; Longo, Coppola, Bramati, Palmiero, Sepe; Klaric (dal 45′ s.t. Russo), Cocuzza (dal 39′ s.t. Leveque). All. Di Napoli

CONDOTTIERO – Un Akragas che continua a stupire, il merito è del grande lavoro di Lello Di Napoli capace di compattare ambiente e squadra dopo le difficoltà invernali. Un rigore di Cocuzza apre la sfida, ingenuo Pirrone nello stendere Klaric. Il Taranto ci prova ma viene fermato dalla traversa, il resto è solo confusione. Nella ripresa i siciliani si concedono folate offensive in ripartenza, quando Palmiero pennella per Coppola il giusto premio è il destro potente del raddoppio.

MATERA – REGGINA 2-0

Di Lorenzo al 9′ p.t.

Negro su calcio di rigore al 28′ p.t.

MATERA (3-4-3) Tozzo; Mattera, Scognamillo, Gigli; Di Lorenzo, De Rose, Casoli, Armeno (dal 24′ s.t. Meola); Strambelli, Lanini (dal 30′ s.t. Bertoncini), Negro (dal 36′ s.t. Sartore). All. Auteri

REGGINA (3-5-2) Sala; De Vito (dal 33′ s.t. Possenti), Kosnic, Gianola; Maesano, Bangu, Botta (dal 40′ p.t. Botta), Knudsen, Porcino; Coralli, Bianchimano. All. Zeman

RITORNO – La rete dell’ex Di Lorenzo e il penalty di Negro bastano alla squadra di Auteri per regolare la Reggina e interrompere l’emorragia di cinque sconfitte consecutive. Primo tempo di marca lucana, con i calabresi che non riescono mai ad arginare la manovra avversaria. Di Lorenzo risolve una mischia e indirizza la sfida, Negro la chiude dal dischetto. La ripresa è una pura formalità.

VIBONESE – VIRTUS FRANCAVILLA 2-0

Bubas al 22′ s.t.

Sowe al 40′ s.t.

VIBONESE (3-5-2) Russo; Franchino, Manzo, Silvestri; Legras (dal 43′ s.t. Lettieri), Viola, Giuffrida (dal 39′ s.t. Torelli), Yabré, Minarini (dal 27′ s.t. Moi); Sowe, Bubas. All. Campilongo

V. FRANCAVILLA (3-4-3) Albertazzi; Pino, Idda, Abruzzese; Albertini, Biason (dal 17′ s.t. Finazzi), Galdean, Vetrugno (dal 24′ s.t. Pastore); Ayina (dal 1′ s.t. Prezioso), Nzola, Abate. All. Calabro

VIVI – Vittoria pesantissima per i calabresi che rispondono al Melfi e tengono infiammata la lotta per evitare la retrocessione diretta. Primo tempo senza lampi, non paga l’azzardo tattico di Calabro che prova il tridente. Nella ripresa la gara rimane sopita fino al destro incrociato dell’argentino Bubas che si infila alle spalle di Albertazzi. La Virtus prova a reagire ma non è giornata, quando Sowe controlla e calcia, il bel pallone servito da Bubas, arriva il raddoppio che chiude la sfida e riaprire il campionato.

MONOPOLI-FOGGIA lunedì ore 20.45

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi