Matera-Messina, il sentiero verso l’epica

di

Pubblicato il 26 marzo 2017 in Primo Piano

Il Messina che si esalta ancora dinnanzi al nuovo ciclone. Come se avesse una straordinaria capacità di interpretare la realtà circostante, trovando ogni volta inediti stimoli.

ILLOGICO E STRAORDINARIO – Ce lo siamo posti tante volte, questo dilemma: è normale che un gruppo di calciatori riesca a rendere costantemente normale una stagione che pare tirata fuori dal cilindro del più sadico dei registi? Lucarelli sulla questione guarda sempre in prospettiva: “Sarà una bella storia da raccontare, un giorno”. Lo ha fatto per l’ennesima volta, nella settimana in cui sullo Stretto è tornato ad aleggiare lo spettro del calcio scommese, un calderone dentro il quale bollono sospetti di combine e scheletri di un passato con il quale tutti gli intrecci parevano ormai slegati. Visione ingenua: il passato torna a chiedere il conto, capita spesso anche nelle storie più contorte e travagliate, aggettivi da marchiare col fuoco sul presente e sul recente passato di un club che nella sua lunga storia non aveva mai vissuto un sadico susseguirsi di vicende di questa portata. Il Messina oggi è in piedi con dignità e orgoglio: l’augurio è che la biancoscudata non venga calpestata definitivamente per il fatto di essere divenuta oggetto di utilizzi collaterali al calcio, roba che con lo sport non ha nulla a che spartire.

È GIÁ STORIA – Il finale di questo capitolo, di cui avremmo sinceramente fatto a meno, lo racconteremo nel libro immaginato ormai da tempo da Lucarelli. Ieri il tecnico alla vicenda ha dedicato qualche sporadico passaggio: prima sottolineando la distanza siderale tra il gruppo che oggi gestisce e i fatti di cui tanto si chiacchiera in questi giorni; poi chiedendo, come gli capita spesso, che si abbassino i toni sulla questione, che si eviti la gogna preventiva: “Con che stato d’animo dovrebbe andare in porta Berardi”? Aggiungendo, poi, che lui sull’integrità del portiere ci metterebbe non una ma due mani sul fuoco. Ecco, nonostante questo gruppo abbia già nettamente superato il perimetro della professionalità, oggi al Messina toccherà ancora una volta fare quel passo in più verso la dimensione dell’epico, terreno ideale su cui ricamare una storia fantastica ma reale, incredibile eppure così vera. Nulla è da escludere, a questo punto. Davvero nulla. A Matera il Messina non ha mai brindato nella sua storia, eppure, per quanto detto sopra, quindi per il piglio eroico di cui è sostanziata la banda di Lucarelli, la cabala diventa paccottiglia per ingenuotti: questo Messina, al di là di quello che riuscirà ad ottenere oggi, ha già ampiamente manifestato la perenne capacità di sapere infrangere il muro della logica.

LO SCACCHIERE – Messina-Matera del girone d’andata è stato l’autentico capolavoro tattico di Lucarelli: uno 0-0 bellissimo, per chi vi scrive la più bella partita vista in stagione al San Filippo. Le trame del match potrebbero essere simili: giallorossi in costante modalità attesa e ripartenza, pallino lasciato scientemente al fraseggio della truppa guidata dallo “Special one di Floridia”, Gaetano Auteri. All’appuntamento il Messina si presenterà nel consueto abito tattico e con un solo innesto rispetto alla bella prestazione sfoderata contro il Taranto domenica scorsa. Musacci torna a muovere le leve del centrocampo dalla cabina di regina, con Mancini che dovrà rimanere a guardare. Al fianco dell’ex Catania gli slot di interni vedranno ancora protagonisti da Silva e Sanseverino. A completare il rombo sarà Foresta: il trequartista che non ti aspetti e che pure tra le linee ha già fatto faville. Davanti la coppia Anastasi-Milinkovic, duo che trova sempre maggiore amalgama con il passare delle settimane. La difesa è ormai una preghiera da recitare a memoria: Grifoni, Maccarrone, Rea, De Vito. Lo schermo umano davanti a Berardi, il guardiano chiacchierato, dileggiato, osannato. Innocente fino a prova contraria. Uno dei migliori portieri della Lega Pro, fino a prova contraria.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi