Messina all’ultimo respiro: ciao Roccella, la marcia continua

di

Pubblicato il 18 febbraio 2018 in Primo Piano

Emozioni forti. Un Messina più umano del solito si affida al cuore. Spacca in due il Roccella, prima di farsi riprendere e poi esorcizzare il rischio di capitolare. Così si accende una luce, al tramonto di un match che pareva ormai indirizzato: Rosafio fa una giocata da Rosafio. Tanto basta. Un segnale, una sentenza. Modica ringrazia. La curva stende un tappeto davanti alla corsa liberatoria del suo fantasista.

IL MORSO DELL’EX – Le squalifiche di Lavrendi e Inzoudine costringono Modica ad apportare sostanziali correttivi in difesa e in mediana. Davanti a Meo si registra l’esordio da titolare di Misale, dirottato sulla corsia sinistra in una linea completata dalla coppia di centrali Bruno-Manetta e dall’esterno basso Lia, che agisce sulla destra. In mezzo al campo altro esordio da titolare, quello del messinese Balsamà, a cui Modica concede anche il peso della maglia numero 10. In regia confermato Bossa, con Cozzolino a occupare lo slot di interno destro. Davanti, inamovibile il tridente Rosafio-Yeboah-Ragosta. Va subito registrata quella che se vogliamo è un’anomalia rispetto alle ultime uscite interne del Messina: il Roccella gioca a viso aperto da subito, grazie soprattutto ai livelli di intensità proposti sulle corsie. Che mister Giampà sfrutta grazie alla superiorità quantitativa dettata dall’abito tattico scelto, un 3-4-3 che in fase di proposta fa leva su due uomini per fascia. Ed è proprio sugli esterni che divampa il primo sussulto degno di nota, con il tiro cross di Malerba che crea non pochi grattacapi a Meo. Il Messina tiene e non si sfalda. Inizia a ricamare la sua consueta trama, in realtà con meno convinzione rispetto agli standard abituali. Ed eccolo che arriva, il primo morso letale. L’azione è da accademia del calcio: Rosafio per Ragosta, Ragosta per Yeboah: la rete si gonfia, il ghanese porta a 11 il suo score stagionale (7 gol in giallorosso), ma in ossequio alla legge non scritta degli ex, frena il suo istinto e non esulta. Il Roccella non si spezza: ancora da sinistra arriva il traversone velenoso che Faella, di testa, non riesce a capitalizzare a dovere, spedendo il pallone in curva.

ROCCELLA, IL RITORNO –  L’ostinazione dei calabresi trova uno sbocco decisivo all’alba della ripresa: Plescia trasforma in oro il cross teso di Malerba. Il suo stacco non lascia scampa a Meo: è 1-1, preludio alla chance del possibile ribaltone, sciupata da Catalano. È il momento peggiore per la banda di Modica, che soffre maledettamente il forcing degli amaranto. Il tecnico prova a correre ai ripari: dal mazzo di carte a disposizione, non di certo fiorente per via delle tante defezioni, estrae il nome di Iudicelli, che rileva un Balsamà finito nel limbo dell’anonimato. In realtà lo stravolgimento vero e proprio arriva qualche minuto dopo: Modica aziona la leva del tutto per tutto, e spedisce in campo Cassaro e Cocuzza. Il primo – che in realtà gioca una decina di minuti, prima di infortunarsi ed uscire – sostituisce Misale; il secondo entra al posto di Cozzolino: un cambio, quest’ultimo, che tradotto significa la proposta di un disegno tattico spregiudicato. 4-2-4, con Cocuzza e Yeboah centrali, e Rosafio e Ragosta sulle corsie alte. L’inversione del trend stenta ad arrivare, perché il Roccella continua a premere: senza troppi fronzoli, gli uomini di Mimmo Giampà accarezzano l’idea del colpaccio. Che per quanto espresso sul campo, non è poi un’idea esattamente folle. Almeno sino al ritorno dei giallorossi, che senza acuti trascendentali, riescono perlomeno a uscire dal recinto territoriale in cui erano stati costretti a vivacchiare per lunghi tratti. È così succede l’imponderabile, che poi è un classico del calcio: Tassone fallisce a due passi l’occasione della vita. Dalla ripartenza successiva, Rosafio raccoglie un lancio lungo, brucia il difensore, salta il portiere e firma la sentenza. È il gol partita. Di quelli che, alla fine dei giochi, potrebbero pesare come un macigno.

MESSINA     2

ROCCELLA  1

MARCATORI Yeboah (M) al 26′ p.t.; Plescia (R) al 3′, Rosafio (M) al 44′ s.t.

MESSINA (4-3-3) Meo; Lia, Bruno, Manetta, Misale (dal 18′ s.t Cassaro; dal 30′ s.t. Bucca); Cozzolino (dal 20′ Cocuzza), Bossa, Balsamà (dal 13′ s.t. Iudicelli); Rosafio, Yeboah, Ragosta (dal 40′ s.t. Stranges). (Rinaldi, Prisco, Barbera, Bucca, Cassaro, Carini, Stranges). All. Modica.

ROCCELLA (3-4-3) Scuffia; Cordova, Chiochia, Strumbo; Faiello, Voltasio, Gattabria (dal 30′ s.t. Commisso), Malerba; Faella (dal 20 ‘ s.t. Tassone), Plescia, Catalano (dal 40′ s.t. Pagano). (Jusufi, Minunzio, Riitano, Surace, Pittelli, Filippone). All. Giampà.

ARBITRO Finzi di Foligno

NOTE Spettatori 600 circa. Ammoniti Balsamà, Rosafio. Corner 5-5. Recupero 0′ e 6’.

All'orizzonte un doppio turno cruciale, in esterna contro Troina e Vibonese. Il Messina può sperare in due vittorie?

Guarda i risultati

Loading ... Loading ...

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi