Messina, la risposta della società alla nota Unime

Pubblicato il 5 ottobre 2016 in Primo Piano

Dopo la piccata nota dell’Università degli Studi di Messina in merito alla rottura degli accordi sulla collaborazione col centro medico-sportivo, arriva la risposta della società giallorossa con un lungo comunicato:

L’Acr Messina apprende, non senza stupore, il comunicato a firma della Direzione del Centro Medico Sportivo Riabilitativo dell’Università degli Studi di Messina, pubblicato in data odierna nel quotidiano online “Tempo Stretto”.
Per amore di verità e nel rispetto del contraddittorio tra le parti, si precisa che in data 28/09/2016, senza alcun preavviso, il C.M.S.R. dell’Università di Messina decideva, in spregio agli accordi convenzionati, di non far pervenire lo staff medico necessario durante l’attività atletica sportiva dei calciatori, con tutte le conseguenze connesse alla predetta decisione. Il vincolo della presenza da parte del medico è connessa, oltre che dagli accordi sottoscritti, alla diligenza che impone la intrinseca figura professionale che integra oltre l’adempimento contrattuale, l’attività sportiva esercitata dal sodalizio che – si rammenta – partecipa ad un campionato professionistico!!!
La violazione in danno della società si è configurata inoltre nella totale e immediata chiusura della struttura riabilitativa che il 29/09/2016 non ha consentito ai tesserati di poterne fare uso.
Stante i superiori accadimenti, preso atto della preordinata volontà del C.M.S.R. di voler inspiegabilmente recedere dalla convenzione a suo tempo sottoscritta, è stato necessario convocare d’urgenza nuovo professionista resosi disponibile, al fine di tutelare l’integrità dei calciatori e nel rispetto delle normative di legge, ancorchè federali.
Come è noto, la figura del medico sportivo è obbligatoria nelle gare casalinghe, pertanto, al fine di non procrastinare la sospensione della partita contro la Paganese, è stato reso necessario adoperarsi con la massima urgenza ed evitare, peraltro, gravi sanzioni di natura economica.
Fermo restando gli aspetti deontologici connessi all’improvviso e ingiustificato diniego da parte dello staff medico sanitario, occorre altresì specificare che le “postille” economiche convenzionate, protocollati in data 24/06/2016 con annesso pagamento della prima rata trimestrale, prevedevano che la decorrenza della seconda rata trimestrale, in carenza di una esatta individuazione del periodo civile e/o solare, fosse determinata a partire dal 01/10/2016.
In ogni caso, tanto per non polemizzare sulla settimana in più o meno che avrebbe causato il ritardo del pagamento, la “frettolosità” di precludere il servizio sanitario è da considerarsi di “estrema gravità” sia sotto un profilo soggettivo che oggettivo, a maggior ragione se si considera che il rifiuto di prestare il servizio fosse a pochi giorni della competizione sportiva che vedeva protagonista il Messina Calcio (gara casalinga del 2/10/2016).
Quanto sopra, a precisione e a tutela dell’integrità della società Acr Messina che, d’ora in poi, non accetterà – in nessun contesto – “gratuite” rappresentazioni di eventuali inadempienze, riservandosi di tutelare le proprie ragioni nelle opportune sedi, ivi compresa la vicenda correlata al predetto comunicato.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi