Luca Bruno: “Fanno la corsa su di noi”

Pubblicato il 20 aprile 2017 in Sala Stampa

“Dobbiamo dimenticare il Melfi”. Non usa mezze misure Luca Bruno per commentare la brutta caduta casalinga subita per mano degli uomini di Aimo Diana. Una batosta difficile da digerire, una sconfitta che non deve però lasciare scorie eccessive all’interno di un gruppo sembrato davvero vicino al raggiungimento dell’obiettivo. Lo scontro diretto perso contro i lucani complica il cammino dei giallorossi, una sconfitta che deve immediatamente essere cancellata: “Una partita difficile da analizzare, loro ripartivano continuamente e abbiamo faticato a contenerli. Non possiamo farci travolgere dagli eventi, cancelliamo e ripartiamo”. Sul cammino dei ragazzi di Lucarelli c’è un Lecce pronto a vedere il Foggia ottenere la promozione in Serie B e uscito malconcio (anche disciplinarmente) dalla gara di Matera, un avversario che non può essere sottovalutato visto il grande potenziale a disposizione di mister Padalino: “Il Lecce è una delle squadre più forti del girone, vero che è quasi impossibile per loro superare il Foggia ma non regaleranno nulla. Non dobbiamo più pensare al Melfi e ottenere il massimo dalla trasferta pugliese. Tante squadre stanno facendo la corsa su di noi sopratutto per la penalizzazione che arriverà, è il momento di fare più punti possibili”.

AMICO – Rottura del crociato anteriore del ginocchio sinistro per Luigi Palumbo. Il difensore campano è atteso da lunghi mesi di stop, il pensiero di Bruno non si ferma al solo rettangolo verde: “Dispiace tantissimo quello che è successo, tutto il gruppo è accanto a lui. Il nostro rapporto va oltre il campo, per lui non è il primo infortunio simile e spero vivamente che reagisca alla grande”.

FUTURO – Difensore classe ’96, cartellino di proprietà del Crotone, che a Messina ha trovato la chance per mettersi in mostra: “Questa per me è stata un’occasione importantissima, in questi mesi ho provato a fare il meglio soprattutto per il bene di squadra. Dopo il derby col Catania ho accusato un calo fisico e le mie prestazioni ne hanno risentito, il mister da quel momento in poi mi ha gestito diversamente. Ora però mi sento pronto per dare il mio contributo per ottenere la salvezza, solo a quel punto penserò al futuro. A Messina mi sono trovato bene e potrei rimanere, parleremo col Crotone e vedremo. Personalmente mi sento pronto pure per un salto di categoria”.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi