Messina sterile e confuso, a Cittanova arriva il tris negativo

di

Pubblicato il 17 settembre 2017 in Primo Piano

Un cantiere aperto senza data di fine lavori. Il Messina di Antonio Venuto trova l’amaro tris in questo inizio di stagione, a Cittanova arriva la terza sconfitta consecutiva che lascia i giallorossi desolatamente in fondo alla classifica. L’alibi del tempo è già diventato ritornello stonato dalle parti del San Filippo, la sterilità offensiva mostrata anche al Morreale-Proto regala un’unica certezza: il lavoro per il ds Ferrigno sarà lungo e molto duro. Il voto alla volontà dei giallorossi potrà anche essere bonario, la realtà racconta di una squadra lontanissima dalla svolta tecnica richiesta. La posizione di Venuto e quella di presunti intoccabili rischia di essere messa in discussione.

BUIO PESTO – Non si lascia abbattere da un attacco influenzale Dezai, l’attaccante ivoriano recupera in extremis e fa coppia con capitan Cocuzza nell’attacco a due scelto da mister Venuto. Si torna al 3-5-2 con Tricamo pronto al suo esordio in maglia giallorossa, il bocciato è Lia che finisce in panchina con Cozzolino e Mascari a prendersi gli esterni. In porta debutto per Armando Prisco, neanche convocato Gagliardini. Modulo speculare per la Cittanovese che punta tutto sulla velocità dei laterali Lavilla e Paviglianiti, in mezzo al campo fosforo e regia affidati a capitan Condomitti. Primo tempo di marca calabrese al Morreale-Proto: il Messina punge sterilmente solo da palla inattiva con Cocuzza e Colombini, sintomo chiaro che la manovra offensiva tarda dall’essere incisiva. Padroni di casa che prendono campo e coraggio, il Messina pecca in personalità e solo l’indecisione del signor Maggio grazia i giallorossi. Sono accese, infatti, le proteste della Cittanovese quando Paviglianiti cade nell’area messinese. La reazione del Messina è affidata a Dezai, l’ivoriano però non ha il killer instinct e spreca con Dagui e Taveriniti che chiudono la propria porta. Il vantaggio dei calabresi non sembra impossibile e, puntuale, arriva prima dell’intervallo: Paviglianiti sfonda a sinistra, Postorino non arriva all’appuntamento con il pallone nel cuore dell’area, alle sue spalle irrompe Lavilla che infila facilmente Prisco.

IL NULLA – La girandola di cambi per rispettare la regola degli under rappresenta l’emozione più grande dell’inizio ripresa, Venuto pesca Carini e Lia per dare nuova linfa ai suoi. La Cittanovese non muta il suo spartito fatto di ripartenze, il Messina rimane incapace di creare calcio offensivo e non punge praticamente mai dalle parti di Dagui. La sterilità è palese e non sono gli innesti dei panchina a modificare una squadra monca e spenta in zona gol. I calabresi vengono travolti dalla paura di vincere e lasciano il pallino del gioco al Messina, gli uomini di Venuto mettono da parte i tatticismi e puntano forte su volontà e grinta. Cocuzza e Dezai lottano e nulla più, il serrate le fila è più appariscente che concreto e si esalta solo quando Carini sfiora la traversa. La Cittanovese culla il vantaggio fino al fischio finale del signor Maggio, per il Messina arriva la terza sconfitta consecutiva.

CITTANOVESE 1

MESSINA           0

MARCATORE Lavilla al 44′ p.t.

CITTANOVESE (3-5-2) Dagui; Alfano (dal 19′ p.t. Genovesi), Cianci, Taverniti; Lavilla, Condomitti, Napolitano (dal 45′ s.t. Colica), Sapone, Paviglianiti; Postorino (dal 10′ s.t. Ortolini), Foderaro (dal 49′ s.t. Barilaro). (Comandé, Di Napoli, De Marco, Moio, Gioia). All. Zito

MESSINA (3-5-2) Prisco; Tricamo (dal 17′ s.t. Lia), Colombini, Cassaro; Cozzolino, Bossa, Pezzella (dal 28′ s.t. Migliorini), Lavrendi (dal 7′ s.t. Bonadio), Mascari (dal 16′ s.t. Carini); Dezai, Cocuzza. (Meo, Manetta, Bruno, Bucca, Mariani). All. Venuto

ARBITRO Maggio di Lodi

NOTE Ammoniti Cianci, Lavrendi, Colombini, Paviglianiti. Corner 1-3. Recupero 0′ e 5′.

Commenta

navigationTop
>

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi